NOTA: le risorse elencate nel presente articolo sono disponibili solo in lingua Inglese.

Sviluppo in generale

D: Cosa devo fare con le mie applicazioni WF o WCF applications per far sì che possano lavorare in AppFabric?
R: Non ci sono requisiti speciali per la creazione di un'applicazione al di là del garantire che l'applicazione possa essere ospitata nell'ambiente di hosting WAS. I modelli di progetto predefiniti in Visual Studio vi guidano alla costruzione di un servizio che verrà eseguito in AppFabric. Se hai delle applicazioni attualmente ospitate in WAS, possono essere distribuite in AppFabric senza alcun requisito di modifca della sorgente del progetto.

D. Avendo un Workflow A ed un Workflow B, se dovessi avere nuove versioni di ognuno, finirò con l'esporre 4 workflows?
R: Per il modo in cui AppFabric è concepito ognuno di essi rappresenta servizi workflow separati. Non esiste un supporto esplicito al versioning in AppFabric. Sarà necessario implementarlo utilizzano il supporto per il versioning di .NET.

D: State pianificando l'eliminazione del client di test WCF esistente per client e host?
R: No, il client di test lavorerà con i servizi WCF in esecuzione su AppFabric.

D: Quale versione .NET version del mio servizio WF o WCF girerà con AppFabric?
R: AppFabric supporta principalmente la versione 4 di .NET Framework. Pertanto qualsiasi servizio WCF o WF scritto con una versione precedente delle librerie di  .NET Framework non potrà avvantaggiarsi pienamente delle caratteristiche di AppFabric.

D: Quando costruisco i miei servizi voglio minimizzare il numero di impostazioni di configurazione che un amministratore può modificare. Quindi la maggior parte delle mie impostazioni WCF sono fissate nel codice. Poichè IIS has un modello di configurazione complesso come posso nascondere questa complessità ai miei utenti?
R: IIS 7 supporta il blocco della configurazione. Mentre esso non nasconde la configurazione, fornisce un modo per impedire che gli amministratori locali sovrascrivano le configurazioni definite globalmente.

AppFabric Caching

D. Come posso utilizzare il caching di AppFabric con WF?
R: Si può utilizzare la Cache API dalle Code activities o utilizzare il WF Caching Activity Pack scaricabile dal sito Microsoft CodePlex. 

D. Come posso utilizzare il caching di AppFabric con WCF?
R: Puoi utilizzare la Cache API nel codice del tuo servizio o puoi implementare un behavior per applicare dichiarativamente il caching come mostrato nell'esempio WCF AppFabric Caching Behavior scaricabile dal sito di MSDN Code Gallery.

D: Quando si utilizza il caching di AppFabric come un Session State Provider di ASP.NET, si può ricevere una notifica quando una sessione ASP.NET scade?
R: Sì. Si possono utilizzare le tecniche di Cache Notifications disponibili anche per le cache che sono utilizzate per il Session State di ASP.NET. Non dimenticate di abilitare le notifiche di cache sulla vostra cache.

AppFabric Hosting - AutoStart

D: Autostart rende i miei servizi più veloci?
R: Sì. Le prove effettuate mostrano un aumento di velocità di un ordine di grandezza con l'utilizzo di Autostart.

D: Come posso scrivere il codice di inizializzazione che è invocato quando il servizio è avviato automaticamente?
R: Potete implementare un ServiceHostFactory personalizzato o utilizzare l'Application Warmup Module di IIS 7.5. Per maggiori informazioni, vedere WCF and AppFabric AutoStart.

 



Altre lingue

Questo articolo è disponibile anche nelle seguenti lingue:

English (en-US)

Deutsch (de-DE)