none
clonazione exchange server con ip pubblico e cambio IP RRS feed

  • Domanda

  • Ciao, devo spostare una macchina exchange con ip pubblico sulla scheda di rete in un nuovo datacenter, quindi mi cambierà indirizzo IP.

    Ho spostato il server senza nessun problema, aggiornato l'indirizzo IP sulla scheda di rete e sul DNS ma la posta rimane in coda e non viene consegnata alle cassette postali. Il protocollo pop3 su ssl non funziona più e sembra ci siano problemi sui connettori SMTP

    Mi connetto Telnet dall'esterno sulla 25 e la mail viene messa in coda per la consegna ma non arriva al destinatario... come posso fare troubleshooting? apparentemente è tutto apposto ma la posta non gira.

    Webmail funziona perfettamente e la posta viene inviata anche all'esterno.

    venerdì 31 gennaio 2020 14:34

Tutte le risposte

  • Ciao, ma non è che il provider del datacenter non ti fa uscire la 25? Azure prima di tutti non ti da questa possibilità e molti provider lo fanno.

    Quindi partirei chiedendo se puoi veramente spedire.

    Magari poi sapendo anche che Exchange è si potrebbe avere un'idea di dove guardare...

    Se la mail resta bloccata nelle code comunque un errore nel queue viewer te lo rilascia. Se non ci sono errori hai la 25 in uscita bloccata.

    Non ho capito però se la mail almeno la ricevi. Mi sembra il classico caso di IP pubblico limitato, se non tengo conto del titolo dove dici "CLONAZIONE" e mi viene freddo dietro alla schiena perchè se hai clonato l'exchange chi era il DC dell'AD di quella macchina? Boh. Tralascio.

    A.

    venerdì 31 gennaio 2020 15:02
    Moderatore
  • è una macchina solo con exchange pubblicata direttamente su internet AD + DNS + Exchange con IP Pubblico completamente aperto (sia quello attuale che il definitivo)

    Anche a me viene freddo alla schiena pensando ad una clonazione, ma 40 pagine di migrazione mi viene ancora di più...... ed alla fine il problema sembra rimanere sul pop3 e sulla posta in entrata che non arriva alla cassetta postale dell'utente

    venerdì 31 gennaio 2020 15:13
  • Francesco, è già una configurazione sconsigliata quella di avere tutto sulla stessa macchina per exchange. In più ce l'hai pubblicata con un ip naked. Non mi sembra una grande idea sinceramente, cioè una cosa così non la faccio neanche obbligato ad un cliente. 

    Tralasciamo la migrazione, ma non ho capito quando mi parli di mail che arrivano in webmail mentre non ti vanno in casella..sono la stessa cosa, come fanno ad arrivare in webmail?

    Oltre questo il pop su exchange è solo a fini di migrazione, non è per la produzione, usare un exchange in pop è veramente senza senso.

    Alla fine il problema è che hai un accrocchione che magari prima funzionava, l'hai spostato e non va, ma un accrocchione resta, scusa la franchezza.

    Se prendi un server funzionante e lo butti da un'altra parte deve funzionare nello stesso modo, se inizi ad avere problemi tipo i tuoi al 99% sono legati a blocchi od errori. Gli MX e tutto il resto sei sicuro che sono girati col nuovo ip corretto? Le zone DNS, tutto aggiornato? Queste mail non capisco dove si fermano..

    venerdì 31 gennaio 2020 15:58
    Moderatore
  • Infatti adesso andrà dietro un firewall con IP privato e NAT - purtroppo alcuni vogliono usare thunderbird con POP su 995 SSL ed SMTP - quindi il POP3 lo devo lasciare attivo per forza.

    Ti dicevo che la webmail funziona come accesso ma i messaggi non arrivano nella cassetta postale dell'uente.

    Questo server fa solo posta elettronica non fa altro, non ha una "LAN" ha solo pc e dispositivi che inviamo e ricevono posta su di esso, quindi in questo caso non vedrei un motivo per fare AD su una macchina ed Exchange sull'altra.Se tu avessi bisogno di exchange online senza usare quello di Microsoft come lo faresti? aldilà che ora devo far funzionare questo così come stava solo cambiando IP e migrandolo su un server fisico diverso.

    venerdì 31 gennaio 2020 16:16

  • Questo server fa solo posta elettronica non fa altro, non ha una "LAN" ha solo pc e dispositivi che inviamo e ricevono posta su di esso, quindi in questo caso non vedrei un motivo per fare AD su una macchina ed Exchange sull'altra.Se tu avessi bisogno di exchange online senza usare quello di Microsoft come lo faresti? aldilà che ora devo far funzionare questo così come stava solo cambiando IP e migrandolo su un server fisico diverso.

    Se non ne vedi il motivo vuol dire, perdonami, che ti mancano una quantità di basi di conoscenza della piattaforma. Se poi leggo che hai praticamente fatto un copia\incolla da un server fisico ad un'altro di un exchange e poi gli hai cambiato ip con tutti i ruoli sopra, non ti funziona nulla e mi dici che "l'unica cosa che non fa è che non consegna alle caselle" mi devo fermare.

    Magari hai l'information store stoppato. Non so nemmeno ancora la versione di questo exchange. Mi devi perdonare, ma negli ultimi anni alcuni arrivano qui con delle strutture accrocchiate e vogliono soluzioni ufficiali. La mia miglior risposta è: apri un ticket a pagamento. Se Microsoft ti da retta con una config così puoi dargli i 250€ del ticket ad occhi chiusi. Altrimenti qualche collega interverrà se ha voglia di fare un po' di accademia. Io mi fermo.

    Buon proseguimento. Ti chiedo scusa, ma non voglio scendere in polemica.

    A.

    venerdì 31 gennaio 2020 17:17
    Moderatore
  • In realtà servirebbe spiegare molto meglio tante cose. Sono pienamente d'accordo con te e questa è una situazione particolare annosa proveniente da accrocco e rattoppata sempre peggio, l'unica sarebbe una migrazione fatta come si deve.

    Mi chiedevo solamente se un cambio ip della macchina su una network diversa dovesse essere eseguito con una procedura specifica, visto che ciaramente essendo un accrocco non mi era mai capitato prima, ci sbatterò la testa in ambiente virtuale fuori produzione.

    Grazie ;)

    venerdì 31 gennaio 2020 18:04
  • In realtà servirebbe spiegare molto meglio tante cose. Sono pienamente d'accordo con te e questa è una situazione particolare annosa proveniente da accrocco e rattoppata sempre peggio, l'unica sarebbe una migrazione fatta come si deve.

    Mi chiedevo solamente se un cambio ip della macchina su una network diversa dovesse essere eseguito con una procedura specifica, visto che ciaramente essendo un accrocco non mi era mai capitato prima, ci sbatterò la testa in ambiente virtuale fuori produzione.

    Grazie ;)

    non è cattiveria, è che non ho mai fatto una roba del genere. Ci sono cose tra l'altro che MS ti permette di fare ma che sono delle cose nonsense (tipo cambiare ip ad un DC). Perchè uno dovrebbe farlo? Io credo che il tuo server se ne sia avuto a male di brutto per due motivi, clonazione e cambio ip in quanto DC anche. Lì ci sono tutti i servizi e gli oggetti agganciati ed incardinati con exchange se cambi un tassello cade tutto.

    Quale delle due gli abbia dato il colpo di grazia è dura capirlo. Certo però bisognerebbe essere sicuri di non avere blocchi a livello network su quell'indirizzo. Se hai possibilità ti consiglio di provare a buttare su una vm su quel datacenter con un exchange di test e vedere cosa succede. Però la versione di Exchange non ce l'hai ancora detta. :-) 

    sabato 1 febbraio 2020 11:19
    Moderatore
  • Di quale versione di exchange stiamo parlando??

    Se usi webmail e mandi una mail ad un utente interno, arriva?

    debug  https://practical365.com/exchange-server/exchange-server-protocol-logging/

               https://docs.microsoft.com/it-it/exchange/mail-flow/transport-logs/transport-logs?view=exchserver-2019


    Gastone Canali >http://www.armadillo.it


    Se alcuni post rispondono al tuo quesito(non necessariamente i miei), ricorda di contrassegnarli come risposta e non dimenticare di contrassegnare anche i post utili. GRAZIE! Ricorda di dare un occhio ai link Click Here andHere

    domenica 2 febbraio 2020 11:51
    Moderatore