none
DISM per aggiungere driver raid (inacessibile boot device) ?? RRS feed

  • Domanda

  • Scenario:

    Installazione Windows Server 2016 fatta in modalità AHCI mentre doveva essere in RAID.

    Problema:

    Impostando da BIOS il controller da AHCI a RAID , il sistema (giustamente) non fa il boot perché non vede i dischi.

    Ho avviato con il cd di installazione e caricato i drivers manualmente e, aprendo il prompt dei comandi, riesco ad accedere all'unità ed utilizzare le varie utility (diskpart, dism, etc..)

    Domanda:

    Come faccio ad aggiungere i driver del controller raid nell'installazione esistente di Windows per fare in modo che al riavvio mi tiri su il sistema operativo ?

    Ho provato con il seguente comando:

    Dism /Image:G:\ /Add-Driver /Driver:C:\MegaSR1.inf

    (G: = Unità dove è installato Windows - C: = Chiavetta usb dove ci sono i driver)

    Ma mi restituisce il seguente errore:

    Problema durante l'apertura del file INF. C:\MegaSR1.inf Errore 0x800703E6

    Errore 2

    Impossibile trovare i pacchetti driver nel percorso specificato..

    Ovviamente ho verificato mille volte che sia corretto e ho anche provato a copiare direttamente sull'unità dove c'è il sistema operativo installato i driver ma continua a darmi questo errore.

    Cosa mi sta sfuggendo???

    giovedì 28 marzo 2019 16:11

Risposte

  • Io di solito faccio così (testato con tanti Windows, non con 2016), avvii Windows in modalità AHCI e "forzosamente" installi il driver raid, spegni il pc, nel bios cambi da ahci a raid .

    Driver injection (utile se il server non riesce a partire in alcun modo, non è il tuo caso)

    Potresti tentare anche questo, https://social.technet.microsoft.com/Forums/it-IT/4e41ad69-1367-4f17-bf31-8ba853c3a18b/spostare-hd-su-nuovo-pc-senza-formattare?forum=windows7italian , scoperto da poco (una vera chicca, mi ripeto!).

    Dism per funzionare deve essere usato per sostituire il driver AHCI utilizzato nel tuo server per il boot, non basta semplicemente aggiungerlo...
    Anche se tu rendi presente il driver RAID nel tuo server tramite DISM, in fase di boot si troverà sempre il  quello AHCI e di conseguenza l' errore 0x0000007B, mentre tale operazione funzionerebbe per una scheda video, il server parte e si troverebbe il nuovo driver video installato offline via dism.

    Spero di aver chiarito il perchè Dism "non ha funzionato"

    Caio Gastone 

    Gastone Canali >http://www.armadillo.it


    Se alcuni post rispondono al tuo quesito(non necessariamente i miei), ricorda di contrassegnarli come risposta e non dimenticare di contrassegnare anche i post utili. GRAZIE! Ricorda di dare un occhio ai link Click Here andHere



    giovedì 28 marzo 2019 20:22
    Moderatore

Tutte le risposte

  • Aggiungo che lanciando il comando:

    dism /image:g:\ /get-drivers

    Mi restituisce errore 998. Impossibile aprire l'archivio driver dell'immagine.

    giovedì 28 marzo 2019 16:18
  • Ho capito dov'era il problema.

    Stavo usando una versione di DISM che non andava bene.

    Ho rifatto la procedura con una versione corretta e il driver lo installa.

    Purtroppo, però, dopo il riavvio il problema rimane, nonostante il driver sia correttamente installato.

    Avete qualche idea ?

    giovedì 28 marzo 2019 16:39
  • Io di solito faccio così (testato con tanti Windows, non con 2016), avvii Windows in modalità AHCI e "forzosamente" installi il driver raid, spegni il pc, nel bios cambi da ahci a raid .

    Driver injection (utile se il server non riesce a partire in alcun modo, non è il tuo caso)

    Potresti tentare anche questo, https://social.technet.microsoft.com/Forums/it-IT/4e41ad69-1367-4f17-bf31-8ba853c3a18b/spostare-hd-su-nuovo-pc-senza-formattare?forum=windows7italian , scoperto da poco (una vera chicca, mi ripeto!).

    Dism per funzionare deve essere usato per sostituire il driver AHCI utilizzato nel tuo server per il boot, non basta semplicemente aggiungerlo...
    Anche se tu rendi presente il driver RAID nel tuo server tramite DISM, in fase di boot si troverà sempre il  quello AHCI e di conseguenza l' errore 0x0000007B, mentre tale operazione funzionerebbe per una scheda video, il server parte e si troverebbe il nuovo driver video installato offline via dism.

    Spero di aver chiarito il perchè Dism "non ha funzionato"

    Caio Gastone 

    Gastone Canali >http://www.armadillo.it


    Se alcuni post rispondono al tuo quesito(non necessariamente i miei), ricorda di contrassegnarli come risposta e non dimenticare di contrassegnare anche i post utili. GRAZIE! Ricorda di dare un occhio ai link Click Here andHere



    giovedì 28 marzo 2019 20:22
    Moderatore
  • Ciao, nella mia esperienza questo giochino non ha mai funzionato sui client, figurati sui server. Quando sbagli a fare l'installazione ti cospargi il capo di cenere e la rifai. Andare a cambiare il driver del controller del gestore dischi su una macchina che deve poi vivere h24 accesa è un rischio immenso. Si è vero, c'è il driver injection a freddo come dice Gastone, a volte funziona anche, ma poi chi te lo assicura che hai un sistema stabile quando gli hai pompato un driver a manina? 

    A rimettere su un sistema ci vogliono 20 minuti. Sei piegato male? fai una virtualizzazione P2V e risolvi il problema, oltretutto nel 2019 ancora server fisici non ha senso quindi può essere un modo per attualizzare la struttura..e toglierti il problema dei drivers...almeno quelli dei controller fisico..

    ciao.

    A.

    venerdì 29 marzo 2019 06:57
    Moderatore
  • Quindi tu consigli comunque di virtualizzare lo stesso anche un singolo server ?

    Cioè… prendiamo il classico caso della linea Essentials, tu tireresti su lo stesso l'host Hyper-V per virtualizzare l'Essentials anziché farlo girare direttamente sull'hardware del server ?

    Grazie

    venerdì 29 marzo 2019 09:24
  • Si, non ha più senso andare sul fisico TRANNE se hai una Essentials...ma parliamo di roba davvero piccola...Essentials virtualizzato non va un granchè...ma tant'è...ad ogni modo il tempo di ripristino di una vm è totalmente diverso che di un server fisico se hai un software CBT e Veeam al momento lo offre pure gratis fino a 10 VM...

    ciao.

    A.

    venerdì 29 marzo 2019 11:15
    Moderatore
  • Ciao, nella mia esperienza questo giochino non ha mai funzionato sui client, figurati sui server. Quando sbagli a fare l'installazione ti cospargi il capo di cenere e la rifai. Andare a cambiare il driver del controller del gestore dischi su una macchina che deve poi vivere h24 accesa è un rischio immenso. Si è vero, c'è il driver injection a freddo come dice Gastone, a volte funziona anche, ma poi chi te lo assicura che hai un sistema stabile quando gli hai pompato un driver a manina? 

    Sono "giochini" che ho affrontato agli albori della virtualizzazione, quando non vierano tool per fare Phisical to Virtual (vmware converter esegue la Copia del fs + Driver Injection!!! ) e la sostituzione a freddo era la soluzione più rapida e meno critica, non si trattava di installazioni  ex novo "vuote", ma di server in produzione, se fatta correttamante il server funzionava, altrimenti blue screen error 7b...

    La Driver Injection a freddo riproduce le operazioni che windows fa quando installa un driver, alla fine il risultato è indistinguibile fra "manina" e windows, stabilità identica!!!

    Ciao Gastone


    Gastone Canali >http://www.armadillo.it


    Se alcuni post rispondono al tuo quesito(non necessariamente i miei), ricorda di contrassegnarli come risposta e non dimenticare di contrassegnare anche i post utili. GRAZIE! Ricorda di dare un occhio ai link Click Here andHere

    sabato 30 marzo 2019 16:25
    Moderatore

  • Sono "giochini" che ho affrontato agli albori della virtualizzazione, quando non vierano tool per fare Phisical to Virtual (vmware converter esegue la Copia del fs + Driver Injection!!! ) e la sostituzione a freddo era la soluzione più rapida e meno critica, non si trattava di installazioni  ex novo "vuote", ma di server in produzione, se fatta correttamante il server funzionava, altrimenti blue screen error 7b...

    La Driver Injection a freddo riproduce le operazioni che windows fa quando installa un driver, alla fine il risultato è indistinguibile fra "manina" e windows, stabilità identica!!!


    Sai che si dice che tutto ciò che è indietro di 5 anni a livello conoscitivo informatico non serve più vero? Non ho mica dubbi che 10..no facciamo 12..anni fa se beccavi il driver giusto funzionava, come non ho nemmeno dubbi che tu lo beccassi tutte le volte. Quel che dico è oggi. 2019. Che senso ha che servono 20 minuti per una installazione? Se conosci la procedura ci metti 2 minuti sicuramente, se non la conosci da Giovedi 28 Marzo arriviamo al 30 Marzo...ed in questi 2 gg avevi rimesso su un Cluster di 10 server rindondati in HA su più nodi geografici. :-) Nel mondo reale, delle aziende che hanno un server in down, mettersi li a studiare come far ripartire un server in bluescreen va bene la prima ora. La seconda sei già fuori tempo massimo e devi cambiare strategia. Non per nulla la gente arriva qui a chiedere soluzioni immediate perchè non ha tempo per cercarle. In un mondo utopico e con tempo deduplicato mi metterei anche io a guardarmi come fare un'injection a freddo dei driver, che sicuramente ho sempre sbagliato ad affrontare...nel mondo reale mi rifaccio il server con la giusta tecnologia di controller e dopo 2 ore sono tornato su..Oggi..ieri magari no..ma è solo una questione di priorità, ed è la cosa che spesso, quando invece per te risulta facile, dai per scontato: tempo non ne hai mai sul breve. La formazione invece è una cosa diversa..ma non a caso..qui non la facciamo no? ;-).

    Buon lavoro.

    A.

    sabato 30 marzo 2019 17:03
    Moderatore