none
problema restore backup con wbadmin RRS feed

  • Domanda

  • HO un server con una unita' rdx a cartucce removibili. Se Uso uno script wbadmin per fare un backup diretto sul supporto, poi il restore puo avvenire solo per l'intero volume e non  i singoli file perche' l'unita' e' vista come supporto ottico. Allora ho condiviso l'unita'  come rd1000 e usato come destinazione \\server\rd1000 sullo script. La sorpresa spiacevole e' che mentre il restore dei file singoli dal sistema operativo riesce perfettamente, se tento di ripristinare l'intero volume usando la procedura di recupero con il dvd del s.o., questa fallisce quasi subito, ovviamente dopo aver cancellato tutti i dati presenti sul disco rigido!

    Qualche idea?

    Grazie

    Alessandro Belli


    alex
    venerdì 2 dicembre 2011 11:32

Risposte

  • ciao, scusa me era morto il technet ;-) manutenzione.

    Allora, ti dico anche se il bk via rete è supportato, ho fatto 2 corsi ufficiali Server MS ed i 2 Mct (tra cui un MVP) hanno esordito la sezione backup con la frase "usate il tool su dischi locali od usb, ma lasciate stare le network share". Io mi sono sempre fidato ;-) mi è successo come ti dicevo ed ho usato il link che ti ho inviato.

    per quanto riguarda un consiglio di terze parti, io uso Acronis da 6 anni. Impareggiabile. Lavoro solo con immagini complete, che poi possono essere ripristinate così, solo files o virtualizzate o trasportate su hw diverso e perfino semplicemente montate ed usate come dischi!! Mai trovato nulla di meglio, provati symantec, arcstore...il costo della standard è di 650 al cliente, accettabilissimo direi. 

    l'unica cosa ora per il tuo problema non credo ci siano molte soluzioni se non reinstallare il server e rimettere la parte dati al loro posto, non so quanto e come sia configurato il tuo server quindi potrebbe essere un bagno di sangue. Non hai un altro RDX su cui provare? avevi una copia solo?!?

    A. 

    • Contrassegnato come risposta Anca Popa venerdì 9 dicembre 2011 10:43
    venerdì 2 dicembre 2011 21:06
    Moderatore

Tutte le risposte

  • Ciao, io utilizzai questo da un cliente che aveva fatto una cosa simile alla tua. Resta che non sarebbe il massimo dare un percorso di rete al server su se stesso per il backup. Il windows backup non nasce per questo, nasce per backup SU DISCO O UNITA' DISCO AGGANCIATA FISICAMENTE AL SERVER. Per tutto il resto ci sono i sw di terze parti. 

    Vedi se questo ti può aiutare.

    A.

    http://blogs.technet.com/b/askcore/archive/2009/02/04/windows-server-backup-2008-restore-from-network-location.aspx

    venerdì 2 dicembre 2011 14:35
    Moderatore
  • Veramente il fatto di usare uno store esterno via rete e' perfettamente supportato come indicato sulla documentazione.

    Il link che mi hai mandato indica in effetti quello che ho fatto io.

    Il problema nasce ( a mio avviso) perche il backup e' fatto specificando uno share di rete ma il restore e' fatto usando una unita' locale, forse questo non l'avevo spiegato bene nel post iniziale. L'alternativa e' collegare l'rd1000 ad un pc, condividerlo in rete e fare il restore tramite quello

    La questione del backup sullo stesso share del server l'ho trovato su piu' di uno script anche all'interno del sito microsoft. Evidentemente messo da chi non ha mai provato a fare il restore

    Non ho comunque capito se hai avuto anche tu lo stesso problema oppure no.

    Ho provato 3 software di terze parti: backupassist usa le stesse funzioni di windows backup, symantec  backup  exe fa un backup per file e non immagini, symantec backup system recovery fa backup per immagini ma solo dell'intero volume, non di singoli file. Alla fine spendere 1000 euro per un software di backup che ha sempre qualche limite mi fa preferire quello integrato nel s.0.

    Ciao


    alex
    venerdì 2 dicembre 2011 14:48
  • ciao, scusa me era morto il technet ;-) manutenzione.

    Allora, ti dico anche se il bk via rete è supportato, ho fatto 2 corsi ufficiali Server MS ed i 2 Mct (tra cui un MVP) hanno esordito la sezione backup con la frase "usate il tool su dischi locali od usb, ma lasciate stare le network share". Io mi sono sempre fidato ;-) mi è successo come ti dicevo ed ho usato il link che ti ho inviato.

    per quanto riguarda un consiglio di terze parti, io uso Acronis da 6 anni. Impareggiabile. Lavoro solo con immagini complete, che poi possono essere ripristinate così, solo files o virtualizzate o trasportate su hw diverso e perfino semplicemente montate ed usate come dischi!! Mai trovato nulla di meglio, provati symantec, arcstore...il costo della standard è di 650 al cliente, accettabilissimo direi. 

    l'unica cosa ora per il tuo problema non credo ci siano molte soluzioni se non reinstallare il server e rimettere la parte dati al loro posto, non so quanto e come sia configurato il tuo server quindi potrebbe essere un bagno di sangue. Non hai un altro RDX su cui provare? avevi una copia solo?!?

    A. 

    • Contrassegnato come risposta Anca Popa venerdì 9 dicembre 2011 10:43
    venerdì 2 dicembre 2011 21:06
    Moderatore
  • Ciao

    Vorrei capire se uno fa i backup sui dischi locali che tipo di sicurezza si puo' aspettare, visto che se i dischi sono interni sono soggetti ai medesimi rischi degli altri componenti del server. I dischi usb non possono essere rimossi a caldo a meno che uno prima non li disattivi, quindi nemmeno questa e' una soluzione.

    Provero' l'acronis anche se fare il backup dell'intero volume non sempre e' possibile

    Per il mio caso si trattava di un test, avevo di scorta un altro backup funzionante e ho fatto il restore da quello, alternativamente avevo provato a collegare l'rd1000 su un pc, a condividerlo e a fare il restore via rete da quello ( funziona).

    Rimane comunque il problema che si trovano molti post anche sul sito microsoft di script che fanno il backup usando lo share dello stesso server.

    In altri casi ho usato la soluzione doppia: un disco interno sata per il backup automatico ( da cui posso fare il restore anche dei singoli file) e una copia su due cassette rd1000 removibili ( a giorni alterni) per un restore in caso di disastro.

    Per l'acronis, come funziona con le unita' rdx? Tu che destinazione usi? Un mio collega che lo usa mi ha detto che se il job per qualche motivo fallisce blocca a cascata quello successivo.

    Ciao


    alex
    sabato 3 dicembre 2011 09:45
  • Ciao, premetto che, nessun backup su disco è veramente sicuro. Il problema principale è che la quantità di dati di oggi con una unità a nastro è difficilmente backuppabile e soprattutto su Ultrium 800 ad esempio andare a ripristinare files singoli è veramente impegnativo (in termini di tempo, non di altro).

    Se il cliente cambia le cassette del DAT, può cambiare anche i dischi dell'RDX, i dischi locali non hanno senso (interni intendo), sicurezza non ne hanno. L'unica cosa è che vedo molta gente che da 1 Cartuccia RDX, fine. Errore madornale. Devi darne 2-3 almeno altrimenti non serve a nulla e 3 cartucce RDX da 1TB costano il suo giusto (come 1 ultrium 800 e 5 cassette) però i tempi di recupero sono più veloci ed il vantaggio è che ti puoi spostare il dispositivo dove vuoi. 

    Per Acronis l'RDX lo uso come un DAT, quindi locale agganciato alla macchina (ricordarsi di togliere nelle avanzate del BK "richiedi primo supporto del bk" altrimenti vede l'unità come DAT e non fa tutto automaticamente).

    Se poi ho un ESXi funziona perfettamente. Se ho 2 VM metto 2 RDX una associata ad ognuna. Dirai, ma costa doppio, ti rispondo, anche 2 unità nastro costano doppio e con un ESX non puoi associare una unità nastro a 2 VM, con l'RDX puoi invece e molti lo fanno per risparmiare ma esce un accrocchio da matti e funziona dalla macchina che lo fa in rete 2 volte si e 10 no.

    I backup via rete come dici tu non li faccio mai, non così almeno. Troppi problemi ed anche quando la rete è a 1Gb i tempi con 4-500GB sono improponibili. In quel caso metto unità sulle macchine. Se invece ho 3-4 VM di una dimensione accettabile (sotto i 200GB) ci metto un bel paio di nas con bilanciamento del carico (uso QNAP) ed il cavo link e salvo tutto tutte le sere. Mai sbagliato un colpo. Parte qualcosa ho 2 immagini pronte a partire (perchè Acronis finito il bk mi virtualizza pure la macchina). 

    Per l'immediato uso shadow copies su disco dedicato così anche se si riempie il volume continua a farle. Tutto il sistema in questo modo è blindato ed i punti di fallimento sono quasi zero. A meno che non venga un incendio e mi bruci tutto..per questo faccio portare via 1 RDX al titolare tutte le settimane. :-) al massimo perde 1 settimana e non la vita dell'azienda.

    Se il cliente non vuole spendere, gli dico che non faccio il lavoro, capisco che possa sembrare da folli oggi con la crisi che c'è, ma se poi salta qualcosa il problema è mio, non suo, quindi se vuoi che sia io a gestire la tua rete fai quello che dico io altrimenti ci sono migliaia di sistemisti che escono a 20€ l'ora ed usano il Cobian Backup pianificato. Il 90% delle volte il cliente capisce che il dato è la cosa più importante ed investe, nell'altro 10 va dal ragazzetto di turno e poi quando perde qualcosa richiama me.

    Ti do anche un'altra dritta. RDX di HP costa veramente molto. Io compro Imation. Prezzo dell'unità 90€, prezzo cartuccia 50% in meno di HP. Non per fare concorrenza all'Hp (sono HP Preferred Partner) ma l'RDX l'ha inventato Imation e non capisco perchè per lo stesso dispositivo mi fanno pagare il triplo...come non capisco perchè devo prendere un nas Cisco SMB quando QNAP glielo vende e vende i suoi alla metà...misteri.

    Spero di esserti stato utile.

    A.

    sabato 3 dicembre 2011 10:12
    Moderatore
  • Ciao, l'rdx della Dell sata interno costa 70 euro, ma il costo sono le cassette.

    Io ho necessata' inferiori alle tue come spazio, uso sempre almento 3 supporti a rotazione e come ti dicevo un disco interno.

    Da un cliente uso i backup via rete su 3 nas (synology),   collegato solo uno al giorno a rotazione per 1 settimana, fa circa 100GB all'ora, non ho mai avuto problemi a parte le rare volte che si dimenticano di collegare il nas.

    Da un'altro ho messo un server di backup con un raid10 sata su cui faccio backup ogni notte alcune macchine virtuali (uso script backup di wbadmin per ogni vm) e da questo server salvo su 5 nastri lto a rotazione

    Sul discorso della spesa del cliente concordo con il tuo approccio, e' quello che cerco di fare anche io. Il problema e' che se uno non ci sbatte la testa per bene non si rende conto fino in fondo.

    Ciao

    Alex


    alex
    sabato 3 dicembre 2011 22:03
  • Ciao, direi che anche tu sei messo molto bene con i backup, di Dell non sapevo, grazie, guarderò anche quello se costa un po meno di Imation. Dove posso qualcosa tiro via anche io, fortunatamente però sul discorso cliente il 90% delle volte arrivo dove il danno è già fatto ed allora è più facile sensibilizzare, nel restante 10 faccio io tutto da zero a quel punto lo sa prima e se non vuole non faccio. E' una vasca di squali il nostro lavoro. Ma se sei un po più grosso degli altri riesci a mangiare ancora qualcosa invece di farti mangiare.

    Ciao!

    A.

    domenica 4 dicembre 2011 09:17
    Moderatore