none
Windows BACKUP 2008R2 (restore) RRS feed

  • Domanda

  • Ciao a tutti.

    C'è qualcosa che non mi quadra con il restore.

    Visto che utilizzo un NAS come destinazione e che in questo caso è possibile avere una sola copia di backup, ogni giorno sposto la cartella windowsimagebackup in un'altra cartella del tipo aammgg, in modo da poter conservare più date.

    Ho provato a fare l'operazione inversa per un restore e cioè riportare al percorso originale un vecchio backup, per poi tentare un ripristino di alcuni files.

    Il problema è che non vede questa cartella ma non riesco a capirne il perchè (nel registro dei backup c'è).

    Qualcuno mi illumina?

    Grazie

    venerdì 11 novembre 2011 17:01

Risposte

Tutte le risposte

  • Ho provato a fare l'operazione inversa per un restore e cioè riportare al percorso originale un vecchio backup, per poi tentare un ripristino di alcuni files.

    Il problema è che non vede questa cartella ma non riesco a capirne il perchè (nel registro dei backup c'è).


    puoi spiegare meglio le operazioni che esegui ?
    Edoardo Benussi
    Microsoft MVP - Management Infrastructure
    edo[at]mvps[dot]org
    domenica 13 novembre 2011 07:20
    Moderatore
  • dunque, partendo dal backup, la destinazione sta su \\NAS\Public

    il programma crea una sua cartella windowsimagebackup che ogni mattina taglio/copio in un'altra posizione del NAS per poter conservare la cronologia delle copie. quindi diciamo che \\nas\public rimane vuota in attesa del backup successivo.

    la mia idea era che andando a riposizionare un backup precedente contenuto nella cartella di nome windowsimagebackup, una volta lanciato il restore andasse giocoforza a leggersi quella. chiaramente nelle operazioni di restore indico lo stesso percorso in formato UNC (ma ne ho provati anche più in profondità, tipo \\nas\public\windowsimagebackup o anche ai livelli successivi, non sapendo esattamente cosa cerchi il programma), ma mi si apre una finestra di errore dove dice che il percorso è sbagliato o qualcosa del genere.

    se invece provo a ripristinare un backup appena fatto senza averlo preventivamente spostato in un'altra destinazione la cosa funziona: mi si apre la finestra del calendario dove ovviamente è presente solo l'ultima sessione di backup. nella cronologia, sono tutti presenti, quindi il problema non sta lì; mi è venuto il sospetto che nello spostamento la cartella di backup perda un qualche attributo, però mi pare strano....

    il NAS dovrebbe essere correttamente configurato come dominio/permessi.

    domenica 13 novembre 2011 14:30
  • hai provato a puntare direttamente al path dove sposti il backup ?
    Edoardo Benussi
    Microsoft MVP - Management Infrastructure
    edo[at]mvps[dot]org
    martedì 15 novembre 2011 13:23
    Moderatore
  • dà sempre lo stesso errore. metto l'immagine della schermata, dovesse mai servire.

    in questo caso ci potrebbe essere un problema di spazio (tra backup e server) nel percorso UNC, ma visto che me lo dà anche quando specifico il percorso originale (\\nas\Public) mi sa che non c'entri.

    http://imageshack.us/photo/my-images/89/errbckp.jpg/




    • Modificato Sjoplin martedì 15 novembre 2011 14:18
    martedì 15 novembre 2011 14:17
  • Leggendo al volo il tuo post, credo che la tua procedura non possa funzionare.

    Quando fai il restore devi quantomeno dire al software che il set di backup si trova in altra posizione.

    Se vuoi fare il backup in rete utilizza la linea di comando e WBAdmin  

    Se proprio hai la necessità di avere dei Full backup immagine in rete, la cosa più intelligente da fare è procurarsi un NAS iSCSI.

    Anche fatto con un microserver e FreeNas andrebbe benone.

     


    Andrea Gallazzi
    http://www.andreagallazzi.com
    This posting is provided "AS IS" with no warranties, and confers no rights.
    martedì 15 novembre 2011 15:14
  • ma non ho mica capito il problema il discorso della posizione del set di backup.

    il backup viene fatto su unità di rete, indicandone il percorso; andando in restore l'interfaccia grafica dà la possibilità di scegliere un'unità fisica o un percorso di rete. indico il percorso di rete e immagino che si vada a cercare la famosa cartella che contiene il set di backup che scrivevo di sopra. se lascio quella che ha creato lui con l'ultimo backup la trova, se ne metto su una vecchia invece, no.

    cos'è che mi sfugge? vale a dire, qual'è la differenza tra una e l'altra? non so se mi son spiegato bene, ma se riuscissi a sapere esattamente cosa cerca, forse potrei venirne pure fuori...

    giovedì 17 novembre 2011 20:50
  • ma non ho mica capito il problema il discorso della posizione del set di backup.


    Cercherò di chiarire

    Il backup utilizza/aggiorna un elenco chiamato "catalog" questo contiene le informazioni su tutti i backup effettuati e, tra i vari dati, contiene anche le informazioni relative al supporto usato per un dato backup ... e nel tuo caso il supporto è un file completo di percorso

    Ora, se tu, dopo aver effettuato il backup rinomini la cartella destinazione, il "catalog" non verrà aggiornato e quindi il backup non sarà in grado di reperire il supporto (la cartella contenente il file non esisterà più) e quindi non sarà in grado di procedere al ripristino del backup stesso

    Potresti ovviare al problema forzando la "ri-catalogazione" di una data cartella in modo che il backup possa riconoscere quel dato "supporto" e permetterti il ripristino, ma questa, secondo me non è una soluzione

    La vera soluzione al tuo problema è quella di utilizzare uno script per avviare il backup e fare in modo che ciascun file di backup abbia un nome univoco, ad esempio contenente la data attuale (es. backup2011118); in tal modo potrai usare una sola cartella per i vari backup e sarà oltretutto più semplice reperire gli stessi o, se necessario, archiviarli su supporto esterno

     

    venerdì 18 novembre 2011 10:00
  • Se vuoi fare il backup in rete utilizza la linea di comando e WBAdmin  

    Concordo al 100%; il backup tramite GUI è molto comodo, ma va bene se si deve effettuare un backup "una tantum"; nel caso di backups schedulati è FORTEMENTE consigliato di usare la GUI solo per semplificare la creazione del "job" e poi, dopo aver copiato la commandline generata tramite la GUI, usarla per mettere insieme uno script e schedulare quest'ultimo

    In tal modo, all'interno dello script sarà non solo possibile cambiare il nome del file di backup (es. usando la data attuale o il giorno della settimana) ma anche effettuare eventuali altre operazioni (es. arrestare servizi/processi, inviare emails ed altro)

    Windows Backup è un tool piuttosto buono, ma per poterlo usare correttamente è necessario prima leggersi la documentazione e capire bene come funziona... ma del resto questo è quanto qualsiasi "amministratore" degno di tale nome dovrebbe fare normalmente.

    Già che ci siamo, aggiungo alcuni links

    che potrebbero essere utili come riferimento e per chiarire il funzionamento di windows backup e come poterlo sfruttare al meglio

     

    venerdì 18 novembre 2011 10:16
  • La vera soluzione al tuo problema è quella di utilizzare uno script per avviare il backup e fare in modo che ciascun file di backup abbia un nome univoco, ad esempio contenente la data attuale (es. backup2011118); in tal modo potrai usare una sola cartella per i vari backup e sarà oltretutto più semplice reperire gli stessi o, se necessario, archiviarli su supporto esterno

    In alternativa, se proprio non vuoi/puoi fare una cosa del genere, potresti valutare l'opportunità di creare più backup jobs schedulati giornalmente (uno al giorno) che puntino a cartelle diverse, in tal modo potrai avere (ad. es.) una struttura del tipo

     

    \\nas\backups\lun
    \\nas\backups\mar
    ...
    \\nas\backups\sab
    \\nas\backups\dom
    
    

     


    a questo punto, ciascun job di backup schedulato punterà alla rispettiva cartella (es. il job del sabato punterà a "...\sab") così avrai backups multipli settimanali, rotazione automatica dei backups, funzionerà il "catalog" e risolverai il tuo problema... anche se, sinceramente, continuo a preferire l'uso di wbadmin da command line e di scripts dato che tale soluzione permette una ben maggiore flessibilità

     

    • Modificato ObiWan venerdì 18 novembre 2011 11:15
    venerdì 18 novembre 2011 11:14
  • Ciao ragazzi... sto ancora leggendo la montagna di link che mi avete messo di sopra :-))

    Ho capito "quasi" tutto ma prima delle feste mi sa che disturberò ancora per un paio di chiarimenti. Il problema di fondo è che devo capire come poter eventualmente utilizzare 6 mesi di copie fatte con la GUI. Se ci arrivo da solo bene, altrimenti mi sa che tornerò su questo post. Comunque grazie a tutti per gli interventi.

    Ciao


    • Modificato Sjoplin venerdì 9 dicembre 2011 14:55
    venerdì 9 dicembre 2011 14:55