none
Mirazione PF da Exchange 2010 a Exchange 2013 RRS feed

  • Domanda

  • Ciao a tutti,
    mi stavo documentando sulla migrazione delle public folder da Exchange 2010 ad Exchange 2013.
    Stavo leggendo questo articolo:
    https://technet.microsoft.com/en-us/library/dn912663(v=exchg.150).aspx
    Al punto 4.2 riporta:
    "
    Run the following command to create additional public folder mailboxes as needed based on the .csv file generated from the PublicFoldertoMailboxMapGenerator.ps1 script. For example, if you open the .csv file, the public folders are named Mailbox1, Mailbox2, etc. If your last public folder is named Mailbox13, you’ll need to create 13 public folder mailboxes
    "
    Ciò significa che se io avessi 2000 public folder su Exchange 2010 (cioè 2000 righe nel file generato) devo creare 2000 public folder su Exchange 2013 prima di eseguire la migrazione ?

    A parte questo per il resto mi sembra abbastanza semplice la procedura...

    Avete qualche suggerimento per questa attività?
    Grazie
    giovedì 12 novembre 2015 07:58

Risposte

  • Stai facendo confusione tra Public Folder e Public Folder Mailbox.

    Fino ad Exchange 2010 le Public Folders erano contenute in un Public Folder Database, uno solo per server.

    Ora le Modern Public Folders sono contenute in una Public Folder Mailbox, che non è altro che una semplice mailbox, contenuta in un Mailbox Database, ma con alcune caratteristiche particolari.

    Il file CSV generato dallo script PublicFoldertoMailboxMapGenerator.ps1 di cui parla il documento non fa altro che realizzare il mapping tra le tue Public Folder e la PF Mailbox che le deve contenere. Il mapping tiene conto del numero delle PF e della loro dimensione massima che passi allo script.

    Per intenderci, se tu hai 2000 Public Folders, queste devono essere distribuite in un certo numero di Public Folder Mailbox. Se tu nello script dici che la dimensione massima delle Public Folder Mailbox deve essere di 50GB, lo script distribuirà le PF nella varie PF Mailbox tenendo conto dell'impostazione che hai passato tu.

    Spero di essere stato chiaro.

    Roberto



    Roberto Ferazzi
    Microsoft® MVP Exchange Server
    Moderator in the Microsoft TechNet Forums
    My MVP Profile

    MSExchange.Community

    giovedì 12 novembre 2015 08:47
    Moderatore

Tutte le risposte

  • Stai facendo confusione tra Public Folder e Public Folder Mailbox.

    Fino ad Exchange 2010 le Public Folders erano contenute in un Public Folder Database, uno solo per server.

    Ora le Modern Public Folders sono contenute in una Public Folder Mailbox, che non è altro che una semplice mailbox, contenuta in un Mailbox Database, ma con alcune caratteristiche particolari.

    Il file CSV generato dallo script PublicFoldertoMailboxMapGenerator.ps1 di cui parla il documento non fa altro che realizzare il mapping tra le tue Public Folder e la PF Mailbox che le deve contenere. Il mapping tiene conto del numero delle PF e della loro dimensione massima che passi allo script.

    Per intenderci, se tu hai 2000 Public Folders, queste devono essere distribuite in un certo numero di Public Folder Mailbox. Se tu nello script dici che la dimensione massima delle Public Folder Mailbox deve essere di 50GB, lo script distribuirà le PF nella varie PF Mailbox tenendo conto dell'impostazione che hai passato tu.

    Spero di essere stato chiaro.

    Roberto



    Roberto Ferazzi
    Microsoft® MVP Exchange Server
    Moderator in the Microsoft TechNet Forums
    My MVP Profile

    MSExchange.Community

    giovedì 12 novembre 2015 08:47
    Moderatore
  • Ciao OttobreRosso,

    Il tuo thread nel Forum di TechNet è ancora aperto per noi.
    Se i consigli ricevuti ti sono stati utili, ricorda di evidenziare la soluzione cliccando su "Segna come Risposta". Aggiungo che il tuo riscontro tornerà sicuramente utile per chi si dovesse trovare nella medesima situazione, così è molto gradito dai membri della community se puoi condividere una soluzione tua.

    Grazie della collaborazione.


    Il contenuto viene fornito “così come è” e non comporta alcuna responsabilità da parte dell'azienda.

    mercoledì 18 novembre 2015 09:36