none
Virtualizzare server Linux Centos RRS feed

  • Domanda

  • Salve,

    ho un server Fisico (HP Proliant ML-350 G6, 3 Dischi SAS 146GB configurati in RAID5) con installato Linux CENTOS 5.5.

    Ho già acquistato a suo tempo la licenza di Windows Server 2008 R2 ROK HP, e vorrei ora installare da zero Windows server, accendere il ruolo di HyperV e spostare su una istanza il server Linux sopra citato, e poi fare una nuova istanza con Windows server 2008 R2 come DC e altro.

    Come posso fare per trasformare la suddetta macchina Fisica Linux in virtuale senza dover reinstallare tutto (anche perchè non ho la possibilità di reinstallare nulla visto che il gestionale che ci gira è stato dismesso e deve rimanere solo per consultazione, e non posso pagare il supporto).

    Grazie in anticipo per tutti coloro che mi daranno una mano nella risoluzione del caso.


    martedì 7 aprile 2015 20:49

Risposte

  • Buongiorno Andrea, se dovessi gestire una migrazione preferirei avere un paracadute. Ma da quello che vedo scritto nel tuo post non trovo nessun paracadute.

    Mi spiego meglio. La migrazione è una strada da percorrere avendo la possibilità di verificarne il risultato prima di smantellare l'infrastruttura funzionante. Se fai una ricerca troverai molti thread che affrontano problemi di VM che non si avviano dopo una migrazione.

    Inoltre, da quello che leggo potrebbe esserci un problema di prestazioni di licenza:

    - L'Host deve essere installato con il solo ruolo Hyper-V, quindi eventuali server (DC od altro) devono essere virtualizzati.

    - I dischi sono di piccolo taglio. In RAID 5 non sono proprio il massimo delle prestazioni e la dimensione disco è di 292GB.

    - RAM ???

    Il rischio è che dopo aver migrato la macchina fisica questa non parta. Devi testarla prima di poterla importare (il che significa perdere la macchina fisica se non hai un server di transito).

    Dovresti avere almeno un server con caratteristiche similari, con una versione Windows uguale e poi decidere se dismettere la macchina fisica.

    In alternativa prenderei in considerazione l'acquisto di un nuovo server adeguatamente configurato per ospitare delle VM o comunque per farci girare il nuovo applicativo.

    Ti giro il link di una discussione che tratta lo stesso argomento e che fa riferimento a due articoli https://social.technet.microsoft.com/Forums/windowsserver/en-US/2e96794b-b73b-44d1-aced-edad93ff3938/p2v-a-suse-linux-with-hyperv?forum=winserverhyperv

    Saluti
    Nino


    ...esistono i motori di ricerca, facci un salto e troverai molte delle risposte che ti darò io.



    mercoledì 8 aprile 2015 06:05
    Moderatore
  • Per quanto riguarda la virtualizzazione del server Linux, considera che CentOS si comporta come Redhat (utilizza la stessa base, ma il primo non ha supporto), quindi dovresti riuscire ad eseguire la procedura di P2V verso Hyper-V utilizzando VMware e poi Microsoft Virtual Machine Converter 3.0 per eseguire la conversione finale.

    Ti consiglio anche la lettura di questa pagina per ulteriori informazioni sulle caratteristiche supportate con VM Hyper-V:

    https://technet.microsoft.com/it-it/library/dn531026.aspx 

    mercoledì 8 aprile 2015 08:15
    Moderatore

Tutte le risposte

  • Buongiorno Andrea, se dovessi gestire una migrazione preferirei avere un paracadute. Ma da quello che vedo scritto nel tuo post non trovo nessun paracadute.

    Mi spiego meglio. La migrazione è una strada da percorrere avendo la possibilità di verificarne il risultato prima di smantellare l'infrastruttura funzionante. Se fai una ricerca troverai molti thread che affrontano problemi di VM che non si avviano dopo una migrazione.

    Inoltre, da quello che leggo potrebbe esserci un problema di prestazioni di licenza:

    - L'Host deve essere installato con il solo ruolo Hyper-V, quindi eventuali server (DC od altro) devono essere virtualizzati.

    - I dischi sono di piccolo taglio. In RAID 5 non sono proprio il massimo delle prestazioni e la dimensione disco è di 292GB.

    - RAM ???

    Il rischio è che dopo aver migrato la macchina fisica questa non parta. Devi testarla prima di poterla importare (il che significa perdere la macchina fisica se non hai un server di transito).

    Dovresti avere almeno un server con caratteristiche similari, con una versione Windows uguale e poi decidere se dismettere la macchina fisica.

    In alternativa prenderei in considerazione l'acquisto di un nuovo server adeguatamente configurato per ospitare delle VM o comunque per farci girare il nuovo applicativo.

    Ti giro il link di una discussione che tratta lo stesso argomento e che fa riferimento a due articoli https://social.technet.microsoft.com/Forums/windowsserver/en-US/2e96794b-b73b-44d1-aced-edad93ff3938/p2v-a-suse-linux-with-hyperv?forum=winserverhyperv

    Saluti
    Nino


    ...esistono i motori di ricerca, facci un salto e troverai molte delle risposte che ti darò io.



    mercoledì 8 aprile 2015 06:05
    Moderatore
  • Per quanto riguarda la virtualizzazione del server Linux, considera che CentOS si comporta come Redhat (utilizza la stessa base, ma il primo non ha supporto), quindi dovresti riuscire ad eseguire la procedura di P2V verso Hyper-V utilizzando VMware e poi Microsoft Virtual Machine Converter 3.0 per eseguire la conversione finale.

    Ti consiglio anche la lettura di questa pagina per ulteriori informazioni sulle caratteristiche supportate con VM Hyper-V:

    https://technet.microsoft.com/it-it/library/dn531026.aspx 

    mercoledì 8 aprile 2015 08:15
    Moderatore
  • Ciao Andrea,

    Non abbiamo ricevuto alcun aggiornamento e mi chiedevo se possiamo aiutarti ulteriormente o se il tuo quesito è stato risolto. Se così fosse ti saremmo grati di condividere il feedback in questo spazio ricordandoti che altri membri della community potrebbero riscontrare comportamenti simili.

    Grazie in anticipo.


    • Microsoft offre questo servizio gratuitamente, per aiutare gli utenti e aumentare il database dei prodotti e delle tecnologie. Il contenuto viene fornito “così come è e non comporta alcuna responsabilità da parte dell’azienda.

    lunedì 20 aprile 2015 09:14