none
Il futuro del mercato server RRS feed

  • Discussione generale

  • Salve,

    sono uno studente di 17 anni e aspirante sistemista informatico. Nei prossimi giorni acquisterò un mini PC che oltre a usare per servizi di cui faccio uso quotidiano (principalmente gateway RDP e DLNA) voglio usare per sperimentare l'amministrazione di un dominio tema per il quale mi sono già procurato un manuale (Mastering Windows Server 2012). Ho però un dubbio: vista la sempre maggior necessità di risparmiare soldi in futuro ci sarà ancora spazio per Windows Server? O forse, nonostante è ancora il più usato è una causa persa ed è meglio che non sprechi il mio tempo lì e mi orienti su Linux (nel caso pensavo a CentOS la versione open source di Red Hat Enterprise Linux)?


    • Modificato Emi998 domenica 6 marzo 2016 22:23 piccola correzione, avevo indicato la distro sbagliata
    • Tipo modificato NinoRCTNModerator lunedì 7 marzo 2016 06:20 Discussione
    domenica 6 marzo 2016 22:22

Tutte le risposte

  • Ciao, il fatto stesso che esistono le distribuzioni Linux a pagamento significa che a certi livelli il "risparmio" è un concetto relativo. Del resto Windows e Linux non sono gli unici Sistemi Operativi a pagamento esistenti al mondo.

    Se vuoi un consiglio, investi qualche lira (...sono un nostalgico) in hardware che ti permetta di implementare un'ambiente di virtualizzazione e con quello inizia e provare e studiare tutto quello che ritieni opportuno.

    Se continuerei nella tua aspirazione, scoprirai che sono moltissime le azienda che scelgono (o sono obbligate a scegliere) un ambiente misto tra Windows, Linux, Mac OS, Unix, OS/400, Solaris, etc...

    Saluti
    Nino

    lunedì 7 marzo 2016 06:51
    Moderatore
  • ciao, sono Evangelist di Microsoft per le tematiche infrastrutturali.

    mi permetto di inserirmi nella discussione, in quanto mi sta particolarmente a cuore. Non mi sento di affermare che un sistema operativo server come Windows Server possa pensarsi in pericolo, soprattutto per quanto ancora oggi risulta molto prezioso nelle aziende piccole, medie e grandi.

    La sua importanza è dettata anche dal fatto che viene fornito gratuitamente proprio agli studenti come te con lo scopo di approcciare un sistema operativo che nel mondo del lavoro richiede competenze e conoscenze. Conosci il programma dreamspark? Fornisce software gratuiti nonché accesso gratuito a un set di servizi in Microsoft Azure.

    fammi sapere se ti serve altro.

    a presto,

    lunedì 7 marzo 2016 09:38
  • Salve,

    la ringrazio per l'interessamento. Sto già lavorando a predisporre un piccolo ambiente di virtualizzazione nel mio Desktop: ho già aggiornato Windows 10 a Pro per disporre di Hyper-V (oltre ad altri vantaggi come la gestione avanzata degli utenti e il Desktop Remoto) e ora dovrei espandere la RAM dato che per ora ne dispongo di una quantità veramente limitata, è sufficente o pensavi a un server dedicato?

    Comunque ho sempre pensato che le in ambito enterprise si lavorasse generalmente con prodotti e servizi di una sola società ma vedo che mi sono sbagliato quindi cercherò in futuro di espandere i miei orizzonti anche su altre piattaforme ma continuando a dare la priorità ai prodotti Microsoft dato che sono quelli che attirano di più la mia attenzione.

    Se non ti disturba avrei una curiosità: se per il dominio o la"foresta" di un'azienda di medie dimensioni (100-1000 dipendenti) si decide di installare Linux sul controller server generalmente riesce a gestire tutto il dipartimento IT interno o anche lì va sottoscritto un contratto di assistenza tecnica con Red Hat o simili aumentando sensibilmente il TCO?

    lunedì 7 marzo 2016 13:21
  • Buongiorno e grazie per la risposta,

    Sono felice che valga ancora la pena di investire tempo su Windows Server dato che i sistemi basati sul kernel NT sono quelli con cui attualmente mi trovo meglio.

    Per quanto riguarda il programma DreamSpark lo conoscevo solo di nome (pensavo fosse riservato solo a universitari selezionati) e sono andato a dare un occhiata sul sito, posso dire che mi ha aperto un mondo, sicuramente nel prossimo futuro farò uso dei prodotti e dei servizi che offrite tramite DreamSpark così potrò anche conoscere la piattaforma Azure della quale ho spesso sentito spesso parlare ma con cui non ho avuto mai modo di approcciarmi.

    lunedì 7 marzo 2016 13:41
  • capisco che tu sia attirato dai prodotti Microsoft per i quali qui puoi trovare delle risposte ma per l'ultima domanda ti consiglio anche di rivolgerti ai forum ufficiali come questo

    http://www.linuxquestions.org/questions/red-hat-31/

    per altro ti invito anche a sfruttare quanto ti suggerisce Paola per poterti costruire un lab di test a costo zero dove fare tutte le prove che desideri.

    buono studio.

    ciao.


    Edoardo Benussi
    Microsoft MVP - Enterprise Mobility
    edo[at]mvps[dot]org


    lunedì 7 marzo 2016 13:48
    Moderatore
  • Un PC Desktop è la soluzione migliore per poter avere delle performance discrete unito ad un costo relativamente basso.

    Quasi tutte le attuali schede madri permettono l'installazione di Windows Server 2012 R2 (ma informati con il tuo rivenditore di fiducia). Mettici almeno 32GB di RAM e due o tre HD (magari un SSD per il S.O.) ed eventualmente una o due schede LAN aggiuntive. Un processore i5 va già bene. Ovviamente non stiamo parlando di un Server ne di un Sistema Certificato, ma per studiare e testare va più che bene. L'attuale Desktop lo puoi utilizzare come client e/o come gestione remota dell'ambiente virtuale.

    Un ambiente produttivo con 100-1000 dipendenti, generalmente ha una struttura IT interna e si basa su più server che hanno funzionalità specifiche (Server Web, Server Applicativo, DB, etc.). Il discorso del supporto, è generalmente basato su ticket ed aggiornamenti.

    Saluti
    Nino

    lunedì 7 marzo 2016 17:40
    Moderatore
  • Buonasera,

    ora ho le idee un po' più chiare, nei prossimi giorni proverò a predisporre tramite Azure un vps di prova con Windows Server 2012 R2 dal quale cominciare il mio studio del sistema dopodichè prossimamente (magari quando ne avrò l'esigenza concreta) valuterò la possibilità di attivare un server fisico a casa mia.

    Arrivederci e grazie ancora

    lunedì 7 marzo 2016 21:30