none
RECORD DNS per INTERNO ed ESTERNO RRS feed

  • Domanda

  • Ciao, volevo sapere se vi siete mai trovati in questa situazione:

    ho il mio dominio AD che è in formato xxx.local il dominio "internet" è invece xxx.it dove presso il registrar c'è la sua gestione DNS.

    Internamente ho diverse applicazioni che dovrebbero puntare a ad esempio a sottodominio.xxx.it perchè lo stesso sottodominio viene richiamato sia da esterno che da interno, e in particolare un webserver, non è in grado di disambiguare il virtualhost in formato sottodominio.xxx.it e sottodominio.xxx.local

    Come "risolvereste"? A me è venuto in mente: invece di usare il dns del registrar come DNS forwarder conditional (che tra l'altro non mi pare nemmeno funzioni bene, da un check con nslookup) e fareste una zona xxx.it dove creereste il record A con l'ip interno, e nel dns del registrar creereste il record A con l'ip statico pubblico? 

    E voi cosa fareste?


    lunedì 1 ottobre 2018 15:38

Risposte

  • Ciao, si chiama split brain dns, banalmente o crei una zona interna di ricerca diretta, col nome esterno e la popoli con dei record A che puntano ai tuoi ip interni. Oppure crei direttamente più zone di terzo livello con all'interno solo l'ip privato. Esiste da quando è nato il DNS ;-).

    Ciao.

    A.

    • Proposto come risposta NinoRCTNModerator martedì 2 ottobre 2018 06:58
    • Contrassegnato come risposta ZigoZago2018 giovedì 11 ottobre 2018 12:52
    martedì 2 ottobre 2018 06:15
    Moderatore

Tutte le risposte

  • Ciao, si chiama split brain dns, banalmente o crei una zona interna di ricerca diretta, col nome esterno e la popoli con dei record A che puntano ai tuoi ip interni. Oppure crei direttamente più zone di terzo livello con all'interno solo l'ip privato. Esiste da quando è nato il DNS ;-).

    Ciao.

    A.

    • Proposto come risposta NinoRCTNModerator martedì 2 ottobre 2018 06:58
    • Contrassegnato come risposta ZigoZago2018 giovedì 11 ottobre 2018 12:52
    martedì 2 ottobre 2018 06:15
    Moderatore
  • Ciao, si chiama split brain dns, banalmente o crei una zona interna di ricerca diretta, col nome esterno e la popoli con dei record A che puntano ai tuoi ip interni. Oppure crei direttamente più zone di terzo livello con all'interno solo l'ip privato. Esiste da quando è nato il DNS ;-).

    Grazie Alessandro, anche se in tanti anni è una "definizione" mai sentita.. ma non si finisce mai di imparare.. ;)

    Ma non è ortodossa o formalmente sbagliato? Occorre manutenere in maniera "doppia" il dns in questo modo.. 

    P.S

    Ma ci sono registrar che permettono il forwarding condizionale?


    martedì 2 ottobre 2018 06:47
  • Pigiando alacremente sui tastini, ZigoZago2018 scrisse:

    Ma non è ortodossa o formalmente sbagliato? Occorre manutenere in
    maniera "doppia" il dns in questo modo.. 

    Si fa così da sempre. In fondo non credo che tu esponga chi sa quanti host esternamente. Né che tu ne cambi IP così spesso. :-)

    Ma ci sono registrar che permettono il forwarding condizionale?

    /me vota contro i forward condizionali.


        Luca Amicone

    martedì 2 ottobre 2018 07:05