none
Autorizzare messaggi da applicazione che vanno in spam RRS feed

  • Domanda

  • Salve,

    Sto sviluppando un'applicazione in ambiente Oracle Apex. Un trigger PL/SQL mi invia un'email quando creo un record in una certa tabella:

    Messaggio inviato da pippo@mio_dominio.com e destinato a pluto@mio_dominio.com. 

    La mia azienda usa Office 365 e Exchange 365.

    Il mio fornitore di hosting, mi ha inviato una stringa da aggiungere al file TXT del nostro DNS:

    v=spf1 mx ptr:sottodominio.dominio.com?all

    Fatta la modifica, atteso un giorno, niente di nuovo sul fronte, le email vengono sempre considerate come spam.

    Qualche suggerimento?

    Grazie.

    venerdì 8 settembre 2017 12:53

Risposte

  • Ciao Alessandro e grazie per la risposta.

    Noi usiamo Exchange Online ed il supporto (non di MS, ma purtroppo di un partner fresco-fresco per questo servizio) mi ha detto di aggiungere la stringa al mio TXT file. Fatto un tentativo, nulla. Fatto un secondo perché mi dicevano che mi avevano suggerito male, nulla.

    Non capisco cosa tu voglia dire con:l'email per come è fatta.

    È una banale email che avvista dell'apertura di una domanda di servizio, il soggetto cambia con il titolo della domanda e sia mittente che destinatario appartengono al nostro dominio. Io credo che venga interpretata come spam, avendo essa un indirizzo di mittente proveniente da un server diverso da quello che ospita Exchange.

    La stringa SPF me la ha data il mio fornitore di hosting Oracle, ma il fornitore O365 mi ha detto di modificarla come segue (e di non mettere mx che ho aggiunto oggi per un terzo tentativo). 


    sabato 9 settembre 2017 19:13

Tutte le risposte

  • Non è così banale far transitare una mail in exchange senza che venga siglata soprattutto se a generarla è un programma che di solito gli assegna sempre stesso oggetto e crea cloni della stessa mail. 

    dove si ha accesso ai server si usa il comando 

     Set-ContentFilterConfig -BypassedSenders

    ma avendo tu 365 non ho capito se hai exchange online o solo il piano 365. Siccome il supporto è compreso fai prima a chiedere al supporto tecnico di filtrarti l'indirizzo sul tuo exchange. Resta il fatto che se poi spedisci fuori il problema ti si ripresenta. L'spf record va bene, è praticamente obbligatorio ad oggi anche se la tua sintassi mi lascia un po perplesso...ad ogni modo non risolve il tuo problema. Secondo me la mail va in spam per come è fatta non per il mittente da cui proviene.

    ciao.

    A.

    venerdì 8 settembre 2017 16:35
    Moderatore
  • Ciao Alessandro e grazie per la risposta.

    Noi usiamo Exchange Online ed il supporto (non di MS, ma purtroppo di un partner fresco-fresco per questo servizio) mi ha detto di aggiungere la stringa al mio TXT file. Fatto un tentativo, nulla. Fatto un secondo perché mi dicevano che mi avevano suggerito male, nulla.

    Non capisco cosa tu voglia dire con:l'email per come è fatta.

    È una banale email che avvista dell'apertura di una domanda di servizio, il soggetto cambia con il titolo della domanda e sia mittente che destinatario appartengono al nostro dominio. Io credo che venga interpretata come spam, avendo essa un indirizzo di mittente proveniente da un server diverso da quello che ospita Exchange.

    La stringa SPF me la ha data il mio fornitore di hosting Oracle, ma il fornitore O365 mi ha detto di modificarla come segue (e di non mettere mx che ho aggiunto oggi per un terzo tentativo). 


    sabato 9 settembre 2017 19:13
  • Ciao Alessandro,

    Ho appena fatto una verifica, provocando la creazione di un messaggio email e finalmente l'ho ricevuto nella mia casella di posta.

    Quindi l'ultima modifica che ho fatto, aggiungendo mx alla stringa di parametri, funziona.

    sabato 9 settembre 2017 20:34