none
Chiedo un aiuto su Exchange Server di Windows SBServer 2003 ita - problema posta in arrivo RRS feed

  • Domanda

  • Tralasciamo l'appunto del Server 2003 che ha piu di 10 anni e che vogliono tenerlo.

    Sono intervenuto perché su quella macchina é successo questo, un bel giorno, qualcuno sentendo che una ventola faceva rumore ha fatto che spegnere la macchina dal tasto dietro l'alimentatore. Dopo ció la macchina non gli partiva piú. Quando sono arrivato ho sostituito la ventola inchiodata, e ho sostituito la batteria tampone, la macchina é ripartita, controllo il raid ed é riconosciuto, errori strani non ne ha dati. Di fatto da quel giorno exchange non aggiorna piu una cartella pubblica condivisa della posta in arrivo (c é 1 solo account di posta info esterno). Personalmente non ho toccato nulla. Ricordandomi vagamente per un paio di installazioni fatte un secolo fa, ho controllato pop3 connector e altre cose solo per vedere se avessee perso un qualche configurazione ma a vista mi pare ci sia tutto, non vedo il motivo che si perda la configurazione per strada. Nei servizi di sbs server, quelli inerenti a exchange li ho visti avviati. Non saprei cosa altro verificare. Spazio disco ce n'é , ci sono 2 dichi in raid da 500 , su c:\ una decina di GB liberi, e su F:\ circa 300GB (il db di exchange é su F). Ho chiesto al titolare alcune info su come era configurato, mi ha tirato fuori una storia a me non nota, dice che la macchina non é mai stata collegata in internet e che su quella macchina c'e' sempre stata quella cartella condivisa che viene gestita dai client dove c'é outlook 2010, il server non scaricava nulla ma lo utilizzavano solo per condivisione contatti e la cartella condivisa di info. Ho guardato e navigo in internet regolarmente da quella macchina e non ho configurato nulla. Non ho capito quanto detto dal titolare. Guardo i client mi trovo l'account local di exchange, oltre che l'account di posta info sia in pop3 che in imap dello stesso account. Gli account di posta locale si scambiano messaggi di posta inviano e ricevono regolarmente. invece la cartella condivisa info di outlook non si aggiorna piu. Sinceramente mi trovo in difficoltá, soprattutto perché sono stretto di tempi e riprendermi in mano tutto il manuale di exchange non avrei tempo, ma devo trovargli una soluzione in quanto come ben si puo immaginare, di chi é la colpa?

    Grato per suggerimenti in merito.

    Se necessitate di info piu precise chiedetemi quali.

    marco


    • Modificato Mauropin martedì 19 gennaio 2021 17:51 aggiunto testo
    martedì 19 gennaio 2021 17:43

Risposte

  • Tralasciamo l'appunto del Server 2003 che ha piu di 10 anni e che vogliono tenerlo.



    Finchè si parte con queste premesse su una piattaforma che ha 18 anni non "più di 10" e tu continui ad intervenire su queste piattaforme non si andrà mai da nessuna parte. Sappilo. Io posso capire che il cliente sia affezionato, ma tu, lasciandogli in produzione una macchina 2003, lo esponi ad un rischio incalcolabile sulla sicurezza. Dopo il cliente piange perchè gli hanno criptato tutto o ancora peggio esfiltrato i dati. 

    Il sistemista ha l'OBBLIGO di dire col cliente: io questa roba qui non te la seguo più. Non di mettergli una pezza. 

    Non funziona più un exchange 2003? Si cestina e si passa a 365. Fine. Poi se c'è un'esfiltrazione dati e sei tu firmatario col GDPR come amministratore di sistema esterno ti vengono anche denunciare.

    Se secondo te vale il rischio. Per me no. 

    A. 

    • Contrassegnato come risposta Mauropin martedì 26 gennaio 2021 22:41
    venerdì 22 gennaio 2021 14:50
    Moderatore

Tutte le risposte

  • Da quanto ho capito, usano Exchange solo come archivio, collegato ai vari Outlook che scaricano materialmente la posta.

    In primis, da uno dei client, prova a vedere se accedi all'account Exchange via web. Trattandosi di SBS2003 l'indirizzo dovrebbe essere http://NOMESERVER/exchange (o https... non ricordo se osava già i certificati). Sto scavando nella memoria e potrei sbagliarmi... perché da Exchange 2010 in poi la pagina è https://NOMESERVER/owa

    mercoledì 20 gennaio 2021 08:27
  • Eccomi, dunque, l'accesso web outlook lo avevo giá provato : http://NOMESERVER/exchange e funziona da tutte le macchine. Ieri, nonostante vi fosse spazio su C: e F: (F dove ho visto db e altri dati di exchange), ho liberato ulteriormente il disco C: da files di vecchie installazioni non inerenti a exchange e sbs ma ad altri programmi che utilizzavano (la macchina un tempo faceva server exchange piú server di un altro programma che usavano in ufficio), ho liberato quasi 10GB su C: spostando tutto ció su F: dove di spazio libero ne conto 300GB.

    Confrontandomi con chi smanettava prima, mi ha detto che solo 1 pc (client) scarica fisicamente la posta info, e funziona cosí, scarica la posta info, poi c'é una regola in ms outlook 2010 che gli dice sposta la posta scaricata nella cartella condivisa sul server exchange (spero che oltre a spostarla sul sever ne mantenga una copia sul pc client in fomato .pst). A quel punto gli altri 3 pc (client) vedono la posta nella cartella condivisa. A quel punto si comprende se quella stazione di lavoro é spenta la posta info nella cartella condivisa non si aggiorna. Ieri in ogni caso non si aggiornava nemmeno a stazione di lavoro accesa. Attualmente, questa mattina la posta magicamente si é di nuovo aggiornata nella cartella condivisa. Non vorrei fosse stato il fatto di non aver spazio sufficiente a disposizione ed exchange si fosse bloccato ma non mi é chiaro dal momento che é una stazione di lavoro a scaricare la posta e depositarla sulla cartella condivisa di exchange. Oggi andró nuovamente e ripulisco meglio da files non piú utilizzati.

    Grazie per il confronto.

    mercoledì 20 gennaio 2021 10:04
  • Bisognerebbe anche verificare quanto spazio occupa l'archivio Exchange. Al di sopra di certi valori (di base mi pare sia 15 o 18 GB), il database viene smontato automaticamente.

    Per aumentare quel valore (valore massino, 75 GB), bisogna mettere mano al registro sul server:

    http://bpsistema.it/aumentare-dimensione-database-microsoft-exchange-2003-enterprise/

    mercoledì 20 gennaio 2021 10:25
  • mi pare che di margine ve ne sia ancora, allego immagini, sia cartella exchange che situazione disco.

    https://ibb.co/fxDYjPz
    https://ibb.co/8dvCMF3

    Mi é strano che comunque quel server di posta non ne scarica in realtá, é la stazione di lavoro che scarica posta e la butta nella cartella pubblica condivisa creata su exchange. La vedo da http://nomeserver/public , oltre le altre cartelle condivise. Quindi l'utilitá sta solo in quella cartella pubblica e il poter inviare la posta local (stiamo parlando di 4 pc in rete....) Oltretutto sulla macchina ci sono dei db sql che non c'entrano nulla con exchange (una vecchia installazione) e c'e'pure visual studio il quale non credo serva ad exchange.

    ho letto che alcuni consigliano di arrestare il servizio smtp di sbs 2003 e lasciare solo attivi i servizi exchange, peró non saprei regolarmi.

    ho aperto il task e devo dire che c'e'una montagna si processi attivi, ne ho contati piu di 80 e la macchina dovrebbe fare solo il servizio che ho specificato. Tutto un pastrocchio.

    mercoledì 20 gennaio 2021 21:26
  • Tralasciamo l'appunto del Server 2003 che ha piu di 10 anni e che vogliono tenerlo.



    Finchè si parte con queste premesse su una piattaforma che ha 18 anni non "più di 10" e tu continui ad intervenire su queste piattaforme non si andrà mai da nessuna parte. Sappilo. Io posso capire che il cliente sia affezionato, ma tu, lasciandogli in produzione una macchina 2003, lo esponi ad un rischio incalcolabile sulla sicurezza. Dopo il cliente piange perchè gli hanno criptato tutto o ancora peggio esfiltrato i dati. 

    Il sistemista ha l'OBBLIGO di dire col cliente: io questa roba qui non te la seguo più. Non di mettergli una pezza. 

    Non funziona più un exchange 2003? Si cestina e si passa a 365. Fine. Poi se c'è un'esfiltrazione dati e sei tu firmatario col GDPR come amministratore di sistema esterno ti vengono anche denunciare.

    Se secondo te vale il rischio. Per me no. 

    A. 

    • Contrassegnato come risposta Mauropin martedì 26 gennaio 2021 22:41
    venerdì 22 gennaio 2021 14:50
    Moderatore
  • Tralasciamo l'appunto del Server 2003 che ha piu di 10 anni e che vogliono tenerlo.



    Finchè si parte con queste premesse su una piattaforma che ha 18 anni non "più di 10" e tu continui ad intervenire su queste piattaforme non si andrà mai da nessuna parte. Sappilo. Io posso capire che il cliente sia affezionato, ma tu, lasciandogli in produzione una macchina 2003, lo esponi ad un rischio incalcolabile sulla sicurezza. Dopo il cliente piange perchè gli hanno criptato tutto o ancora peggio esfiltrato i dati. 

    Il sistemista ha l'OBBLIGO di dire col cliente: io questa roba qui non te la seguo più. Non di mettergli una pezza. 

    Non funziona più un exchange 2003? Si cestina e si passa a 365. Fine. Poi se c'è un'esfiltrazione dati e sei tu firmatario col GDPR come amministratore di sistema esterno ti vengono anche denunciare.

    Se secondo te vale il rischio. Per me no. 

    A. 

    Alessandro, concordo in tutto, non é necessario fare il cazziatone a me. Sono cose che ho giá straripetuto alla noia. Ed é la prima cosa che ho detto al cliente nel momento in cui ci sono andato. Mi sono solo permesso di chiedere un consiglio a chi é piú edotto di me. A volte, é l'animo buono a far si che uno debba aiutare l'altro, per me lo é da una vita. Oltretutto su cose del genere non chiedo 1 lira semplicemente per non avere vincoli. Meno che meno mi sogno di fare il firmatario gdpr, per caritá. C'é gente, veramente tanta, che non vuole spendere i soldi di canone per il 365, perché moltiplicato x stazioni di lavoro fanno soldi. Io credo che un giorno si arriverá a costi diversi se vogliamo una linea tutta uguale e piú semplice. Mi ci sono trovato per caso in questa situazione, non vado a cercarmele, mi conoscono e sanno che in casi disperati do una mano a tutti. io ho consigliato di ranzare via quella macchina e fare il loro account info sui 4 pc che hanno, ognuno si scarica quella posta e bon. Per tenere quel server assemblato che faccia solo da cartella pubblica per archivio posta e contatti condivisi !
    venerdì 22 gennaio 2021 18:44