none
RAID 10 (1+0) RRS feed

  • Domanda

  • Buongiorno,

    non ho capito bene come funziona il RAID 10.

    Ho letto che lega il mirroring (RAID 1) al sistema stiping del RAID 0.

    Se ho 4 dischi da 500GB:

    due sfruttano il RAID 1 e due sfruttano il RAID 0 ?

    se si, quali sono i vantaggi e gli svantaggi ?

    ho provato e mi ritrovo con 1TB di spazio disponibile circa, in che modo faccio il calcolo ?

    se si rompe un disco cosa succede ?

    se si rompono due dischi cosa succede ?

    In più, secondo voi, per una ditta piccola da 10 utenti, che non vuole un dominio, quale sarebbe il sistema raid migliore da utilizzare ?

    grazie in anticipo

    saluti

    Franco

    mercoledì 23 luglio 2014 15:33

Risposte

  • Generalmente con RAID10 si intende un RAID 1+0, quindi in pratica più array RAID1 vengono aggregati in un unico array RAID0. Tuttavia in alcuni rari casi per RAID10 si può intendere anche il RAID 0+1, che invece è l'esatto opposto: più array RAID0 vengono poi duplicati con un unico array RAID1. Sono simili ma ovviamente per entrambi ci sono vantaggi e svantaggi: il RAID 1+0 è sicuramente più affidabile perché in caso di danneggiamento di un disco i dischi che diventano potenzialmente critici per il sistema sono di meno. Entrambi sono comunque in grado di supportare la rottura di due dischi, ma il secondo disco dovrà comunque non far parte di uno di quelli diventati critici dopo la rottura del primo (la criticità la puoi intuire dalla disposizione dei livelli RAID).

    Per scegliere il sistema RAID più adeguato è necessario conoscere soprattutto in che modo verrò utilizzato lo spazio, questo perché nella scelta si deve dare la priorità ad uno di questi aspetti: capienza, velocità o affidabilità.

    Avendo 4 dischi e utilizzando il server solo per la condivisione di file da ufficio, sicuramente un RAID10 può essere un buon compromesso.

    Un aspetto importante spesso trascurato è il controller RAID utilizzato: un RAID software (come ad esempio quello di Windows) o firmware-based (come ad esempio quello spesso integrato nei chipset Intel) non fornirà mai lo stesso livello di prestazioni e affidabilità di un RAID hardware vero e proprio (meglio ancora se supportato da una batteria di backup per lo scaricamento della cache in caso di problemi). Non a caso i costi di questi 3 tipi di soluzioni sono molto differenti. 

    • Proposto come risposta Luigi BrunoMVP mercoledì 23 luglio 2014 16:38
    • Contrassegnato come risposta Anca Popa mercoledì 30 luglio 2014 09:15
    mercoledì 23 luglio 2014 16:17
    Moderatore
  • Se hai configurato un RAID10 è normale.

    Ad esempio se è strutturato come un RAID 0+1:

    - Due dischi da 500 GB formano un array RAID0 da 1 TB

    - L'array RAID0 viene poi "duplicato" sull'altro RAID0 formato dagli altri due dischi rimanenti tramite il RAID1

    Quindi complessivamente hai a disposizione solo 2x500 GB. L'overhead del 50% è dovuto sostanzialmente al livello RAID1.

    giovedì 24 luglio 2014 09:30
    Moderatore

Tutte le risposte

  • Ciao

    potremmo parlane a giornate sane...

    prova a vedere quì...

    http://it.wikipedia.org/wiki/RAID

    Ciao

    mercoledì 23 luglio 2014 16:08
  • Generalmente con RAID10 si intende un RAID 1+0, quindi in pratica più array RAID1 vengono aggregati in un unico array RAID0. Tuttavia in alcuni rari casi per RAID10 si può intendere anche il RAID 0+1, che invece è l'esatto opposto: più array RAID0 vengono poi duplicati con un unico array RAID1. Sono simili ma ovviamente per entrambi ci sono vantaggi e svantaggi: il RAID 1+0 è sicuramente più affidabile perché in caso di danneggiamento di un disco i dischi che diventano potenzialmente critici per il sistema sono di meno. Entrambi sono comunque in grado di supportare la rottura di due dischi, ma il secondo disco dovrà comunque non far parte di uno di quelli diventati critici dopo la rottura del primo (la criticità la puoi intuire dalla disposizione dei livelli RAID).

    Per scegliere il sistema RAID più adeguato è necessario conoscere soprattutto in che modo verrò utilizzato lo spazio, questo perché nella scelta si deve dare la priorità ad uno di questi aspetti: capienza, velocità o affidabilità.

    Avendo 4 dischi e utilizzando il server solo per la condivisione di file da ufficio, sicuramente un RAID10 può essere un buon compromesso.

    Un aspetto importante spesso trascurato è il controller RAID utilizzato: un RAID software (come ad esempio quello di Windows) o firmware-based (come ad esempio quello spesso integrato nei chipset Intel) non fornirà mai lo stesso livello di prestazioni e affidabilità di un RAID hardware vero e proprio (meglio ancora se supportato da una batteria di backup per lo scaricamento della cache in caso di problemi). Non a caso i costi di questi 3 tipi di soluzioni sono molto differenti. 

    • Proposto come risposta Luigi BrunoMVP mercoledì 23 luglio 2014 16:38
    • Contrassegnato come risposta Anca Popa mercoledì 30 luglio 2014 09:15
    mercoledì 23 luglio 2014 16:17
    Moderatore
  • Per 10 utenti basta un RAID1 non credo che hai bisogno del RAID0, altrimenti mettili tutti in RAID-5 se hai un controller hardware con cache...

    Ciao


    Andrea Sistarelli
    Datacen srl - Consulenza informatica

    mercoledì 23 luglio 2014 16:28
  • Ringrazio tutti per le risposte...

    mi rimane solo un dubbio:

    se ho 4 dischi da 500GB come faccio a fare il conto dello spazio disponibile ? questo passaggio non lo capisco...

    in questo momento ho 1TB disponibile, come mai ?

    giovedì 24 luglio 2014 09:03
  • Se hai configurato un RAID10 è normale.

    Ad esempio se è strutturato come un RAID 0+1:

    - Due dischi da 500 GB formano un array RAID0 da 1 TB

    - L'array RAID0 viene poi "duplicato" sull'altro RAID0 formato dagli altri due dischi rimanenti tramite il RAID1

    Quindi complessivamente hai a disposizione solo 2x500 GB. L'overhead del 50% è dovuto sostanzialmente al livello RAID1.

    giovedì 24 luglio 2014 09:30
    Moderatore