none
Hyper-V 2016 - Dynamic Disk RRS feed

  • Domanda

  • Buongiorno a tutti,

    mi sono imbattuto in una situazione non chiara, riguardo un HD VHDX Dynamic.

    Su un Cluster Hyper-V 2016 ho creato una nuova VM con S.O. Windows 2016, con 1 HD da 60 GB, formato VHDX, Dynamically Expanding.

    Lo spazio occupato su Sistema Operativo è pari a 24 GB su 60 GB (free space 36 GB), ma lo spazio occupato sul disco del Cluster è 60GB, quindi per intero. Mi aspettavo che il size del file .vhdx fosse 24 GB e non  60 GB. Sbaglio io le considerazioni o c'è qualcosa che non va? Come posso ridurre lo spazio occupato dal file .VDHX?

    Grazie per il supporto

    mercoledì 22 aprile 2020 09:08

Risposte

  • Si, con una compattazione dovresti risolvere ma non è così "semplice".
    Ovviamente in questi casi è necessario prima eseguire un backup del VHDX.

    Per prima cosa devi rendere non disponibile la VM agli utenti, quindi ripulire e deframmentare il disco dall'interno della VM (ridurre la frammentazione può aiutare a ridurre le dimensioni). Successivamente poi dall'host (o da un pc con una versione equivalente di Hyper-V) puoi procedere con la compattazione (puoi farlo anche dallo snap-in Hyper-V se non vuoi metterti a farlo con l'Optimize-VHD in Powershell, ma in tal caso il disco non va montato prima altrimenti non funziona).
    Credo però che con un Optimize-VHD in Full ci possano essere maggiori risultati, anche se il processo è sicuramente più lento.
    https://docs.microsoft.com/en-us/powershell/module/hyper-v/optimize-vhd?view=win10-ps
    • Contrassegnato come risposta SysAdmin_IT mercoledì 22 aprile 2020 15:14
    mercoledì 22 aprile 2020 10:56
    Moderatore

Tutte le risposte

  • In sintesi sembra che tu abbia un problema con la compattazione del VHDX.

    Tradizionalmente i dischi ad espansione dinamica non dovrebbero venire utilizzati in produzione, questo per i seguenti motivi:
    - Prestazioni: Un disco ad espansione dinamica ha solitamente prestazioni inferiori rispetto ad uno ad allocazione fissa
    - Problemi relativi alla compattazione: Un disco ad espansione dinamica durante l'utilizzo aumenta solo le sue dimensioni, di conseguenza anche se si eliminano dei dati la dimensione del disco virtuale non verrà ridotta automaticamente. Considera inoltre che anche solo una elevata frammentazione del filesystem potrebbe portare a questi problemi dove lo spazio occupato effettivo è molto inferiore a quello del disco virtuale.
    Per evitare ciò il disco va compattato ad intervalli regolari, ma si tratta di un'operazione di manutenzione aggiuntiva (in realtà a mio parere anche piuttosto invasiva e "rischiosa") e la frequenza cambia in base a quanto viene effettivamente utilizzato.
    - Rischi relativi al provisioning: Il fatto di non allocare staticamente per molti rappresenta un vantaggio perchè tecnicamente si può ottimizzare al massimo l'occupazione dello spazio fisico a disposizione tuttavia, anche in relazione alla problematica precedente, in questo caso va eseguito un monitoraggio costante per non rischiare di avere uno spazio fisico insufficiente rispetto a quello necessario alle VM in esecuzione.
    Una allocazione statica è in pratica un overprovisioning, ma a mio parere in quel modo (sempre con un corretto dimensionamento iniziale) aumenta la scalabilità delle VM (perché si è sicuri di poter sempre contare su tutto lo spazio "visibile" dalla VM), le prestazioni dei dischi migliorano e diminuiscono le operazioni di manutenzione.
    In tal caso per aumentare anche la scalabilità dell'host, un disco ad allocazione statica andrebbe comunque salvato su uno spazio di archiviazione o su un altra tecnologia che permetta l'aggiunta dinamica di spazio fisico.



    mercoledì 22 aprile 2020 09:37
    Moderatore
  • Buongiorno Fabrizio,

    grazie per la cortese risposta; in realtà utilizzo sempre HD fixed per i motivi che hai riportato, ma al momento non ho molto spazio su storage da allocare sul Cluster Hyper-V; ecco perché l'utilizzo del disco Dynamic. Tutto qui, con l'impegno di convertirlo in Fixed appena possibile.

    Pensi che con un "Compact" si risolve? Posso provare con Optimize-VHD. o Ci sono altri tool?

    Fammi sapere, grazie.

    mercoledì 22 aprile 2020 10:15
  • Si, con una compattazione dovresti risolvere ma non è così "semplice".
    Ovviamente in questi casi è necessario prima eseguire un backup del VHDX.

    Per prima cosa devi rendere non disponibile la VM agli utenti, quindi ripulire e deframmentare il disco dall'interno della VM (ridurre la frammentazione può aiutare a ridurre le dimensioni). Successivamente poi dall'host (o da un pc con una versione equivalente di Hyper-V) puoi procedere con la compattazione (puoi farlo anche dallo snap-in Hyper-V se non vuoi metterti a farlo con l'Optimize-VHD in Powershell, ma in tal caso il disco non va montato prima altrimenti non funziona).
    Credo però che con un Optimize-VHD in Full ci possano essere maggiori risultati, anche se il processo è sicuramente più lento.
    https://docs.microsoft.com/en-us/powershell/module/hyper-v/optimize-vhd?view=win10-ps
    • Contrassegnato come risposta SysAdmin_IT mercoledì 22 aprile 2020 15:14
    mercoledì 22 aprile 2020 10:56
    Moderatore
  • Ciao Fabrizio, 

    grazie ancora, proverò in Mode Full.

    Alla prossima :)

    mercoledì 22 aprile 2020 15:15