none
Windows 2012 R2 - RD Session Host e utilizzo GPU RRS feed

  • Discussione generale

  • Ciao a tutti.

    Premetto che ho provato a cercare nel forum l'argomento in oggetto ma non ho trovato nulla di che.

    Ho notato che il servizio in questione rispetto a windows 2008 r2 ha una sostanziale differenza nell'approccio della gestione grafica, ossia in Windows 2012 il rendering delle schermate (eseguendo ad es. un video in Terminal) consuma molta CPU, riducendo drasticamente la quantità di utenti gestibili su singolo server.

    In Windows 2008 R2 la gestione grafica veniva invece demandata alla GPU del client.

    Da qui mi è nata la domanda se è possibile utilizzare la GPU del server RD Session Host per alleggerire il carico della CPU.

    Ho letto molto di RemoteFX ma sinceramente non ho capito se è utilizzabile con questo ruolo.

    Chi può illuminarmi?

    Aggiungo che ...

    Ho un server con due GPU compatibili WDDM 1.3 e CPU conforme alle specifiche SLAT.

    Grazie

    Massimo

    martedì 10 dicembre 2013 16:57

Tutte le risposte


  • Ho letto molto di RemoteFX ma sinceramente non ho capito se è utilizzabile con questo ruolo.

    Chi può illuminarmi?


    Flebile luce (non riesco a fare più di questo : 3 links)

    http://social.technet.microsoft.com/wiki/contents/articles/16652.remotefx-vgpu-setup-and-configuration-guide-for-windows-server-2012.aspx

    http://blogs.technet.com/b/italy/archive/2012/10/30/remotefx-e-il-protocollo-rdp-8-0-in-windows-server-2012-e-windows-8-le-novit-224-di-adaptive-graphics-progressive-rendering-media-streaming-e-vgpu.aspx

    http://blogs.msdn.com/b/rds/archive/2012/11/26/remotefx-features-for-windows-8-and-windows-server-2012.aspx


    Gastone Canali >http://www.armadillo.it

    Se alcuni post rispondono al tuo quesito(non necessariamente i miei), ricorda di contrassegnarli come risposta e non dimenticare di contrassegnare anche i post utili. GRAZIE! Ricorda di dare un occhio ai link Click Here andHere

    martedì 10 dicembre 2013 22:54
    Moderatore
  • Ti ringrazio per il tentativo, li avevo già letti ma alla fine dei conti non dicono nulla di che :(

    cmq grazie ancora!

    mercoledì 11 dicembre 2013 09:53
  • Grazie, ma la guida che hai linkato è per Widows 2008 R2 io ho bisogno della guida per Windows 2012/Windows 2012 R2 e le differenze sono sostanziali.

    Massimo

    mercoledì 11 dicembre 2013 16:16
  • Grazie, ma la guida che hai linkato è per Widows 2008 R2 io ho bisogno della guida per Windows 2012/Windows 2012 R2 e le differenze sono sostanziali.

    Si scusami avevo letto la discussione un po' di sfuggita e pensavo che ti stessi riferendo alla versione 2008 R2 (anche se l'avevi scritto anche nel titolo....).

    Comunque da quello che so per Windows Server 2012 non ci sono guide in quanto la funzionalità RemoteFX (e molte delle caratteristiche aggiuntive) è già abilitata di default e può essere già utilizzata da tutti i nuovi client di desktop remoto di Windows 8/Windows Server 2012 e successivi (protocollo RDP 8.0). Per client Windows 7 è invece necessario installare un aggiornamento:

    http://support.microsoft.com/kb/2592687/it

    Qui c'è una discussione dove se ne parla:

    http://social.technet.microsoft.com/Forums/windowsserver/en-US/d6a2df68-206b-4a51-86a3-6c152b1c44c1/deploying-remotefx-on-a-remote-desktop-session-host-on-windows-server-2012?forum=winserverTS
    mercoledì 11 dicembre 2013 21:08
    Moderatore
  • In realtà una guida l'avrei trovata:

    http://social.technet.microsoft.com/wiki/contents/articles/16652.remotefx-vgpu-setup-and-configuration-guide-for-windows-server-2012.aspx?Sort=MostUseful&PageIndex=1

    Il problema è che parla esclusivamente della vGPU con Hyper-V (struttura VDI) e utilizzando client Windows 7 Enterprise with SP1 or Windows 8 Enterprise.

    Il discorso Remote Session Host (RDSH) non sembra proprio essere preso in considerazione.

    E cmq all'atto pratico, ammesso che le funzioni RemoteFX siano attivate di default il risultato è pessimo, direi inutilizzabile in nessun ambiente di produzione.

    Ad ogni modo sono convinto che il sistema non stia utilizzando nessuna accelerazione hardware poichè ho installato un monitor software per vedere la percentulae di utilizzo della GPU e risulta fermo a zero mentre la CPU è al 90%.


    giovedì 12 dicembre 2013 06:33
  • Si, la guida è riferita alla configurazione in un ambiente virtuale, per un host sessione desktop remoto non ci dovrebbero essere procedure da seguire.

    Comunque la brutta notizia è che non sono supportate tutte le funzionalità di RemoteFX, quindi in pratica il pieno supporto DirectX è disponibile solo in un ambiente VDI.

    http://blogs.technet.com/b/windowsserver/archive/2012/05/09/windows-server-2012-remote-desktop-services-rds.aspx

    http://social.technet.microsoft.com/Forums/windowsserver/en-US/c65b63b9-53a8-47ad-b54f-1e1e55e51994/remotefx-on-rdsh-still-not-full-functional-as-compared-for-remotefx-on-rdvh-?forum=winserver8gen

    giovedì 12 dicembre 2013 09:27
    Moderatore
  • Stando così le cose, allo stato attuale purtroppo il ruolo RDSH non è più utilizzabile a meno che non lo si installi su un sistema a 8 processori con 8 core ciascuno (giusto per esagerare) per farlo poi usare a 4 o 5 utenti.

    ... non capisco Microsoft che intenzioni abbia!

    Per ora quindi pare propro che bisognerà rimanere con tutti i sistemi a Windows 2008 R2 aspettando che si volti pagina su Windows 2012/8

    :(

    p.s. Tra l'altro sarei curioso di vedere in quante aziende si implementa il sistema VDI ... che (opinione personale) trovo alquanto inutile.

    giovedì 12 dicembre 2013 14:28
  • Un VDI secondo me non è per niente inutile, puoi sfruttare la virtualizzazione abbinata all'RDP per ottimizzare la gestione dei client e ridurre al minimo eventuali disservizi, ma le tue esigenze credo siano differenti. Penso che oggi vengano utilizzate ancora connessioni dirette RDP ad un unico server solo perché, purtroppo, ci sono ancora troppi software (mi riferisco a gestionali, ecc..) scritti male o che hanno sistemi di licensing fin troppo contorti, in questi casi ovviamente il VDI non può essere la soluzione.
    venerdì 13 dicembre 2013 10:23
    Moderatore
  • Giusto per fare un ragionamento accademico...

    Se penso di dover gestire ad esempio 20 utenti con il sistema VDI immagino che serva un server molto ben carrozzato sia dal punto di vista RAM - CPU e DISCO poichè ogni macchina comunque necessità di risorse specifiche che solo in parte possono essere condivise.

    In sostanza un invenstimento molto più pensante rispetto ad un server RDSH dove cmq tutto è condiviso per definizione (anche ad es. le librerie di office che vengono caricate in RAM).

    Inoltre dal punto di vista IT mi troverò a dover eseguire su ogni macchina 20 volte le stesse operazioni di manutenzione (aggiornamenti, installazioni ecc). Tanto vale farli lavorare sui client che utilizzando per accedere al sistema VDI (tanto i soldi per comprare il PC e il sistema operativo li hai già spesi) ed eventualmente farli collegare da remoto con vari sistemi (teamviewer, RDP ecc..)

    Mentre in RDSH tutte le operazioni sono eseguite una sola volta (snapshot compresi).

    Inoltre parlando sempre di remoteFX si legge che richiede Windows in versione Enterprise con costi notevoli.

    Dal punto di vista licensing le cose non cambiano in RDSH i gestionali richiedono sempre una licenza per ogni utente concorrente.

    venerdì 13 dicembre 2013 12:30
  • Certo , il VDI non nasce per risparmiare risorse hardware ma ne impiega meno di quanto si pensi e in maniera più efficiente. Per quanto riguarda la gestione, un server RDSH comunemente si ripristina in molto più tempo ed è più soggetto a problemi di sicurezza (proprio a causa della condivisione dell'ambiente).

    Qui trovi un post che illustra tutti i vantaggi di un VDI:

    http://communities.quest.com/community/vworkspace/blog/2010/07/08/when-vdi-and-not-session-host-terminal-server/

    Comunque con questo non voglio dire che un host sessione possa essere sostituito da un ambiente VDI in ogni situazione, ma dire che è una tecnologia inutile a mio parere è errato. RDSH va ancora bene in alcuni ambiti (come gli esempi che ho inserito nel post precedente), ma per altri a mio parere è stato superato.

    PS: Per il licensing la situazione cambia in base al software utilizzato, quindi non si può generalizzare. In ogni caso il mio era solo un esempio.

    venerdì 13 dicembre 2013 13:21
    Moderatore
  • Ti confesso che non sono un fan di VDI, ho pochissima esperienza e solo sulla soluzione vdi di vmware.

    Per avere una soluzione decente dovrai investire molto nell'infrastruttura, servers+Storage+networking e configurarli a dovere, non basta spendere molto  (es. dimenticati di usare un raid5 o dischi sata...) anche le stesse macchine vdi dovranno essere ottimizzate con perizia!

    Ecco alcune domande tipiche che il buon sistemista si dovrebbe chiedere :
     Quanti utenti servire? Cosa devono fare? Quanti saranno in futuro? Che livello di business continuity devo garantire?
     Quanti Servers sono necessari ? Quali e quante CPU? Quanta ram?
     Quanti IOPS mi servono?
     Come configuro lo storage ? Dimensionamento? Dischi sas sata? Dischi meccanici 3.5 o 2.5? SSD?? Che Raid è meglio usare?
    ...
    Etc.

     sulla macchina vdi:

     Antivirus si o antivirus no?
     Indicizzazione file, cosa fare?
     Deframmentazione disabilitata, giusto?
     LAST ACCESS Time disabilitato, corretto ?
     I profili utente e le pesonalizzazioni che fare?
    ...
    Etc.

    Tutti le mie perplessità su queste soluzioni, sono subito emerse appena il numero di utenti è aumentato (con uno qualche client era tutto perfetto) mostrando i limiti  tipici di questa tecnologia...  anche l'accensione o il logon di una trentina di utenti  contemporanei diventa una criticità  vedi "VDI logon storm" , stessa cosa, se nello stesso momemento tutti gli utenti eseguono operazioni onerose in termini di  I/O ... (intanto i soldi erano già stati spesi!!!)

    Penso che  sia una tecnologia in risposta all'aumento della complessità dell'infrastruttura informatica e all'incapacità (se non incompetenza) di essere gestita  in modo ottimale dal/dai sistemista/i di turno... ora  il VDI è di  moda, ne consegue che è molto più facile far spendere del denaro e poi dire dobbiamo cambiare in server perchè lenti, piuttosto che gestire con competenza un parco computer tradizionale ...

    Ogni soluzione ha i suoi pro e contro se non hai necessità di "business continuity" certe volte un pc in più di scorta può farti risparmare tanto rispetto ad una soluzione vdi.

    " ... Inoltre dal punto di vista IT mi troverò a dover eseguire su ogni macchina 20 volte le stesse operazioni di manutenzione (aggiornamenti, installazioni ecc). Tanto vale farli lavorare sui client che utilizzando per accedere al sistema VDI ..."

    Con vdi NO (altrimenti sto vdi servirebbe a ben poco)


    PS: Una volta c'erano i mainframe (Digital Vax, system/370) gli Unix e i terminali, poi negli anni 80 sono arrivati i personal computer, col passare degli anni abbiamo visto il flop dei netcomputer, dei diskless computer, dei thin client ... ed ora puntiamo tutto sul cloud, un Cloud Mainframe, formato da molteplici server che distribuscono personal computer virtuali i Personal Cloud Terminal, mi sembra un ritorno alla grande degli anni 70' !  


    Gastone Canali >http://www.armadillo.it

    Se alcuni post rispondono al tuo quesito(non necessariamente i miei), ricorda di contrassegnarli come risposta e non dimenticare di contrassegnare anche i post utili. GRAZIE! Ricorda di dare un occhio ai link Click Here andHere



    venerdì 13 dicembre 2013 14:47
    Moderatore
  • comunque vada è sempre un piacere scambiare idee ed esperienze.

    Tra l'altro sto continuando ad eseguire test sul ruolo RDSH (che cmq per me rimane il target) e sto vedendo che utilizzando la scheda video Intel on board (quindi rimanendo sull'economico) la GPU viene utilizzata.

    Forse non tantissimo .... ma qualcosa fa e alleggerisce un pò la CPU, mentre usando una AMD 6450 il suo apporto è nullo.

    Deve essere una questione di driver anche se quelli AMD sono conformi alle specifiche Microsoft (WDDM 1.3).

    Proverò con una Nvidia.

    Il problema sarà poi provare a virtualizzare il tutto dentro vSphere passando la GPU con vt-d (ma questa è un'altra storia)

    venerdì 13 dicembre 2013 16:20
  • Citrix già 5/6 anni fa aveva introdotto nel suo protocollo ICA soluzioni di rendering video lato client,  Es. guardando un video su  youtube il flusso rimaneva compresso (all'inizio solo di alcuni tipi di video erano supportati) durante tutta la fase di fase di trasporto e solo quando raggiungeva il client veniva decompresso sfuttando le risorse locali del pc... memore dei test fatti su citrix a suo tempo (ora non sono più aggiornato)

    nel primo link trovi qualcosa di interessante i seguenti sono "pour parler" e capire come si muovano gli attori più importanti nel settore (a mio modesto parere citrix rimane il numero uno nel Terminal, Vmware nella virtualizzazione, Microsoft probabilmente sarà l'outsider per il VDI...)

    http://blogs.msdn.com/b/rds/archive/2009/07/24/multimedia-redirection-improvements-in-windows-7-and-ws2008-r2-part-1.aspx

    http://blogs.msdn.com/b/rds/archive/2009/06/19/changes-to-remoting-model-in-rdp-7.aspx

    http://www.brianmadden.com/blogs/brianmadden/archive/2009/06/24/Microsoft-RDP-host_2D00_side-rendering-Calista-plans-include-optional-GPU-offload-hardware-custom-chips-Hyper_2D00_V-is-required.aspx

    http://support.citrix.com/proddocs/topic/xenapp6-w2k8-admin/ps-sessions-ss-multimedia-using-v2.html


    Gastone Canali >http://www.armadillo.it

    Se alcuni post rispondono al tuo quesito(non necessariamente i miei), ricorda di contrassegnarli come risposta e non dimenticare di contrassegnare anche i post utili. GRAZIE! Ricorda di dare un occhio ai link Click Here andHere

    venerdì 13 dicembre 2013 19:16
    Moderatore
  • Si, in effetti Citrix è un grande protagonista in questo settore, se non erro il protocollo RDP fu sviluppato e concesso in licenza a Microsoft proprio da Citrix stessa.

    Il punto è che tutto andava bene almeno fino al 2008 R2 quando, come si vede dai link che hai riportato, il client era chiamato in causa nel rendering delle sessioni RDP.

    Ufficialmente questo cambio di rotta sembra essere motivato dal bisogno di ridurre la banda necessaria per visualizzare una sessione terminal.

    Per dovere di cronaca posso confermare dai test eseguiti che windows 2012 ne consuma molta meno.

    Purtroppo per ottenere questo risultato hanno penalizzato pesantemente la scalabilità del host.

    Come dicevo prima, pare però che qualche GPU venga chiamata in causa per aiutare il processore.

    Non ho avuto ancora modo di provare con una NVIDIA (economica), ma conto di farlo a breve.

    Quello che non capisco è .... come mai un aspetto così importante rimane al contrario poco gestibile, ad esempio se risultasse confermato l'apporto della GPU rimane il dubbio (almeno a me) di come poter dire al sistema di utilizzare per il rendering una scheda video piuttosto che un'altra (ed è utile nei sistemi virtuali).




    lunedì 16 dicembre 2013 09:34