none
consigli upgrade server RRS feed

  • Discussione generale

  • Buongiorno a tutti,

    dato un simile scenario con 2 server fisici:

    - windows server 2003 come File Server, server DC, server DNS, server DHCP, Exchange server, SQL server

    - windows sever 2003 come terminal server+ IIS server

    Vorrei sistemare un pò la situazione visto che non è molto "a posto" in termini di risorse.....

    Secondo voi come si potrebbe migliorare? Virtualizzare i server? Acquistare quali licenze?

    Il dominio gestisce 15 cilent (12 windows xp e 3 windows 7) e per i backup dei dati dei client, vengono montate delle cartelle in cui i client salvano i dati sopra...

    Non so bene le potenzialità dei windows server più nuovi quindi mi piacerebbe avere alcuni scenari di come si potrebbe aggiornare tale situazione senza cambiare tutti i server, magari aggiornandone uno (o virtualizzando) e spostare i servizi su qualche nuovo "windows server".

    Sarebbe utile anche qualche consiglio sul backup dei client.

    Grazie



    • Modificato Pixy123 martedì 20 dicembre 2011 13:46
    martedì 20 dicembre 2011 13:39

Tutte le risposte

  • dato un simile scenario con 2 server fisici:

    - windows server 2003 come File Server, server DC, server DNS, server DHCP, Exchange server, SQL server

    - windows sever 2003 come terminal server+ IIS server

    Vorrei sistemare un pò la situazione visto che non è molto "a posto" in termini di risorse.....

    Secondo voi come si potrebbe migliorare? Virtualizzare i server? Acquistare quali licenze?

    Il dominio gestisce 15 cilent (12 windows xp e 3 windows 7) e per i backup dei dati dei client, vengono montate delle cartelle in cui i client salvano i dati sopra...

    Beh, prima di tutto direi che si tratti di un discorso di budget, anche perchè le eventuali rinunce andranno valutate in base a quanto disponibile, detto ciò ...

    Personalmente valuterei una configurazione di questo tipo

    2 DC che fungano da DNS/DHCP e NIENTE altro

    1 FileServer + WUS (Windows Update Service)

    1 SQL server

    1 TS Server (su VLAN isolata/controllata)

    1 IIS Server (Web + FTP - in DMZ)

    il tutto in ambiente virtualizzato in modo da poterti permettere di consolidare l'hardware ed allo stesso tempo "scalare" se/quando ve ne fosse bisogno; considera che installare troppi servizi su un singolo server significa non solo andarsi a cercare delle rogne in termini di affidabilità ma anche creare dei potenziali problemi di sicurezza e considera inoltre che il server IIS se pubblicato su internet, dovrebbe essere posto in una DMZ onde evitare potenziali problemi; per quanto riguarda il backup, ti suggerirei di valutare l'acquisto di un NAS di capacità sufficiente e di un sw di backup con moduli "client" che permettano di controllare in modo centralizzato i backups SENZA affidarsi alla "memoria" degli utenti

    Considera che i due DC non avranno bisogno di storage enorme dato che faranno SOLO da DC/DNS/DHCP (la "spina dorsale" della tua rete); il fileserver potrà/dovrà invece avere abbondanza di spazio e, possibilmente una connessione di rete in "trunking" (teaming); per quanto riguarda SQL, il dimensionamento dello stesso dovrà essere effettuato partendo dai requisiti minimi e carrozzando il tutto in base alle necessità (sempre tenendo presenti eventuali sviluppi futuri); per le altre due istanze (TS ed IIS) non mi esprimo dato che non ho informazioni utili a capire quale sia il reale utilizzo di tali box; in qualsiasi caso, torno a ripetere che installare più servizi su un singolo sistema NON è una buona idea

     



    • Modificato ObiWan martedì 20 dicembre 2011 14:26
    martedì 20 dicembre 2011 14:24
  • Per 15 client io valuterei una soluzione basata su SBS in configurazione doppio server su cui installare SQL Server (potresti riutilizzare uno dei server attuali).

    Avendo tutte macchine fisiche non ho ben capito l'utilizzo che ne fai del Terminal Server...

     

    Ciao

     


    Andrea Sistarelli
    MCT-MCSE-MCTS-CCNA
    martedì 20 dicembre 2011 15:17
  • Ciao,

    allora... i terminal server diciamo che si possono eliminare facilmente (ci sono un paio di utenti che usano il desktop remoto perchè hanno dei computer molto vecchi) nel caso si volesse riusare il server in modo migliore.

    Per 15 client, la soluzione di ObiWan mi sembra un pò eccessiva... sicuramente il tuo discorso non fa una piega ma impiegherebbe troppi costi sia come licenze che lavoro.

     

    Per non acquistare un SBS apposta potrei far spostare l'sql server sul secondo server attuando cosi questo schema....

    - windows server 2003 (std) come File Server, server DC, server DNS, server DHCP, Exchange server

    - windows sever 2003 (std) come IIS server + sql server (sia iis che sql servono per gestionale+crm)

    Come vedete questa configurazione? Ho letto in giro che è sconsigliato avere DC+exchange insieme ma a noi non ha mai dato problemi...sapete dirmi di più?

    Con questa configurazione non dovremo acquistare nuove licenze e il lavoro sarebbe "ridotto"...

    Grazie ancora

    martedì 20 dicembre 2011 16:31
  • Per 15 client, la soluzione di ObiWan mi sembra un pò eccessiva...

    Come ho scritto, non ho idea di quale sia il tuo budget nè tantomeno delle prospettive di crescita futura dell'infrastuttura, quindi non ho fatto altro che suggerirti una soluzione che ti avrebbe permesso (a fronte di un costo più alto - ma, se vogliamo, solo in termini di licenze) di implementare una soluzione facilmente scalabile/espandibile

    Per non acquistare un SBS apposta potrei far spostare l'sql server sul secondo server attuando cosi questo schema....

    - windows server 2003 (std) come File Server, server DC, server DNS, server DHCP, Exchange server

    - windows sever 2003 (std) come IIS server + sql server (sia iis che sql servono per gestionale+crm)

    Come vedete questa configurazione? Ho letto in giro che è sconsigliato avere DC+exchange insieme ma a noi non ha mai dato problemi...sapete dirmi di più?

    Con questa configurazione non dovremo acquistare nuove licenze e il lavoro sarebbe "ridotto"...

    Occhio; considera che un DC/DNS/DHCP è la "spina dorsale" dell'intera infrastuttura e, se per caso fosse sovraccarico (es. per queries "pesanti" su SQLserver o per trasferimenti di files di grosse dimensioni) ti troveresti con l'intera rete rallentata, problemi di timeout etc... è per quello che almeno uno dei DC dovrebbe essere "dedicato" ai soli servizi "base"; oltre a questo è FORTEMENTE sconsigliato installare exchange su un DC dato che facendo una cosa del genere si rischia di andare incontro ad una serie di problematiche non esattamente piacevoli :( - considera che quanto ho suggerito NON implica l'acquisto di "n" macchine fisiche, ti basterebbe avere dell'hardware sufficiente a far girare le VM necessarie e poi virtualizzare tutto (o quasi); in tal modo, non solo abbatteresti i costi relativi a consumo etc.. ma eviteresti il problema dell'obsolescenza dell'hardware ed avresti comunque una piattaforma facilmente scalabile

     

    martedì 20 dicembre 2011 16:40
  • ObiWan, le query pesanti non potrebbero più dare problemi perchè sarebbe su un server diverso no?

    Per il problema dei file diciamo che in gran parte aprono file piccoli (excel/word) e il carico è sempre basso.

    Sicuramente sarebbe una bella soluzione virtualizzare il sistema, l'unica pecca è il lavoro "lungo" e che bisognerebbe acquistare licenze aggiuntive del sistema operativo in quanto con una licenza non si può virtualizzare 2 istanze.

    Detto ciò se non si vuole spendere e fare "poco lavoro" si potrebbe ancora togliere Exchange (se fosse possibile) e arrivare ad una soluzione simile se ho ben capito:
    - windows server 2003 (std) come File Server, server DC, server DNS, server DHCP

    - windows sever 2003 (std) come IIS server + sql server (sia iis che sql servono per gestionale+crm)

    Devo ben capire quanto è attualmente usato Exchange essendo che il crm dovrebbe "sostituire" le sue funzioni....

    martedì 20 dicembre 2011 16:57
  • ObiWan, le query pesanti non potrebbero più dare problemi perchè sarebbe su un server diverso no?
    Ho scritto queries pesanti o trasferimenti files... anzi, ci aggiungo anche il traffico email visto che ipotizzavi di metterci sopra exchange (tra l'altro sconsigliato dato che si tratta di un DC) in qualsiasi caso, anche come file server, potrebbe essere soggetto a carico
    Per il problema dei file diciamo che in gran parte aprono file piccoli (excel/word) e il carico è sempre basso.
    Mai sottovalutare il carico relativo alle shares di rete, anche perchè, come minimo, vorrai mettere un antivirus sul fileserver per controllare cosa caricano/scaricano gli utenti ed anche quello incide... poi ovviamente se uno ha una share su un server e vede che ci son sopra diversi giga magari pensa bene di usarla per le foto delle vacanze, i filmati scaricati da emule ed altro ancora... :P
    Devo ben capire quanto è attualmente usato Exchange essendo che il crm dovrebbe "sostituire" le sue funzioni....

    Uh... un CRM che sostituisce Exchange ? Questa la dovevo ancora sentire !

    LOL

     

    martedì 20 dicembre 2011 17:55
  • Per 15 client, la soluzione di ObiWan mi sembra un pò eccessiva...

    Come ho scritto, non ho idea di quale sia il tuo budget nè tantomeno delle prospettive di crescita futura dell'infrastuttura, quindi non ho fatto altro che suggerirti una soluzione che ti avrebbe permesso (a fronte di un costo più alto - ma, se vogliamo, solo in termini di licenze) di implementare una soluzione facilmente scalabile/espandibile

    Per non acquistare un SBS apposta potrei far spostare l'sql server sul secondo server attuando cosi questo schema....

    - windows server 2003 (std) come File Server, server DC, server DNS, server DHCP, Exchange server

    - windows sever 2003 (std) come IIS server + sql server (sia iis che sql servono per gestionale+crm)

    Come vedete questa configurazione? Ho letto in giro che è sconsigliato avere DC+exchange insieme ma a noi non ha mai dato problemi...sapete dirmi di più?

    Con questa configurazione non dovremo acquistare nuove licenze e il lavoro sarebbe "ridotto"...

    Occhio; considera che un DC/DNS/DHCP è la "spina dorsale" dell'intera infrastuttura e, se per caso fosse sovraccarico (es. per queries "pesanti" su SQLserver o per trasferimenti di files di grosse dimensioni) ti troveresti con l'intera rete rallentata, problemi di timeout etc... è per quello che almeno uno dei DC dovrebbe essere "dedicato" ai soli servizi "base"; oltre a questo è FORTEMENTE sconsigliato installare exchange su un DC dato che facendo una cosa del genere si rischia di andare incontro ad una serie di problematiche non esattamente piacevoli :( - considera che quanto ho suggerito NON implica l'acquisto di "n" macchine fisiche, ti basterebbe avere dell'hardware sufficiente a far girare le VM necessarie e poi virtualizzare tutto (o quasi); in tal modo, non solo abbatteresti i costi relativi a consumo etc.. ma eviteresti il problema dell'obsolescenza dell'hardware ed avresti comunque una piattaforma facilmente scalabile

     


    senza dimenticare che un dominio con un solo DC è da suicidio ;-)
    Edoardo Benussi
    Microsoft MVP - Management Infrastructure
    edo[at]mvps[dot]org
    martedì 20 dicembre 2011 18:12
    Moderatore
  • Devo ben capire quanto è attualmente usato Exchange essendo che il crm dovrebbe "sostituire" le sue funzioni....


    il crm sostituisce Exchange ? forse non intendiamo la stessa cosa per crm...
    Edoardo Benussi
    Microsoft MVP - Management Infrastructure
    edo[at]mvps[dot]org
    martedì 20 dicembre 2011 18:14
    Moderatore
  • In pratica il CRM avrà anche un client integrato di posta che scarica direttamente dai server via IMAP o POP (e il server è dato da chi fornisce la posta e non è exchange).
    Exchange ha si molte funzioni ma ora è usato solo come "archiviatore delle email" e se il CRM ha un client "decente", gli utenti potrebbero non usarlo più.

    Ora forse mi son spiegato meglio :-)

    Edoardo dici che un solo DC è un suicidio.... quindi come intendi che dovrebbe "diventare" la struttura? Tipo:

    - windows server 2003 (std) come File Server, server DC primario, server DNS, server DHCP

    - windows sever 2003 (std) come IIS server, sql server, secondo DC

    Mettendo un DC secondario risolvo anche il problema del trasferimento dei file che potrebbe dare problemi al DC primario?

    martedì 20 dicembre 2011 19:49
  • In pratica il CRM avrà anche un client integrato di posta che scarica direttamente dai server via IMAP o POP (e il server è dato da chi fornisce la posta e non è exchange).


    Exchange ha si molte funzioni ma ora è usato solo come "archiviatore delle email" e se il CRM ha un client "decente", gli utenti potrebbero non usarlo più.

    Appunto, un CLIENT il che significa che comunque ti servirà un server... ora, visto che esiste già un exchange, non capisco perchè andare a pagare qualcuno per fornire lo stesso servizio che ora fa exchange; tra l'altro, se esiste un exchange, suppongo che sia anche usato per inviare e ricevere posta (che poi la stessa venga mantenuta sul server, non fa differenza) e magari anche per tenere in piedi l'elenco dei contatti ed il calendario

    Tra l'altro, usare un server esterno significa che se un utente della LAN invia una email ad un altro utente della LAN, tale email dovrà uscire "su internet" sino al server esterno da dove dovrò poi essere scaricata ... di nuovo in LAN dal destinatario e, sinceramente, non mi sembra una soluzione ottimale; in pratica se venisse a mancare la connessione internet non funzionerebbe più neanche la mail interna (senza poi parlare di email con allegati "pesanti" che dovrebbero viaggiare avanti ed indietro con inutile occupazione della banda)

    Edoardo dici che un solo DC è un suicidio.... quindi come intendi che dovrebbe "diventare" la struttura? Tipo:

    - windows server 2003 (std) come File Server, server DC primario, server DNS, server DHCP

    - windows sever 2003 (std) come IIS server, sql server, secondo DC

    Il secondo DC dovrà anche esso fungere da DNS e, possibilmente, da DHCP in modo da ridondare i servizi fondamentali di rete evitando per quanto possibile problemi

    Mettendo un DC secondario risolvo anche il problema del trasferimento dei file che potrebbe dare problemi al DC primario?

    Continuo a ritenere che una soluzione virtualizzata con più istanze sia la migliore, considera che il tal caso, considerando il numero relativamente ridotto di utenti, te la caveresti con un paio di macchine fisiche e, possibilmente, un'unità di storage ed allo stesso tempo avresti una configurazione fatta per bene e che permetta di suddividere correttamente i ruoli dei vari sistemi; certo, dovresti prendere delle licenze aggiuntive per i servers, ma di sicuro avresti un risultato migliore ed eviteresti di ammattirti con una miriade di problemi
    mercoledì 21 dicembre 2011 08:18
  • Edoardo dici che un solo DC è un suicidio.... quindi come intendi che dovrebbe "diventare" la struttura? Tipo:

    - windows server 2003 (std) come File Server, server DC primario, server DNS, server DHCP

    - windows sever 2003 (std) come IIS server, sql server, secondo DC

    Il secondo DC dovrà anche esso fungere da DNS e, possibilmente, da DHCP in modo da ridondare i servizi fondamentali di rete evitando per quanto possibile problemi

    sui due DC con DNS e DHCP siamo tutti d'accordo, è meglio però non mettere IIS su un DC soprattutto se quel IIS è esposto su internet. per IIS ti serve una macchina in più, virtuale o fisica che sia.

    ciao.


    Edoardo Benussi
    Microsoft MVP - Management Infrastructure
    edo[at]mvps[dot]org
    mercoledì 21 dicembre 2011 08:45
    Moderatore
  • sui due DC con DNS e DHCP siamo tutti d'accordo, è meglio però non mettere IIS su un DC soprattutto se quel IIS è esposto su internet. per IIS ti serve una macchina in più, virtuale o fisica che sia.


    Sicuramente SI (tra l'altro nel mio altro messaggio avevo prospettato una VM dedicata ad IIS); ma la stessa cosa vale anche per exchange (che non dovrebbe essere installato su un DC) e per il terminal server ... dato che sinceramente, far accedere utenze ad un DC non mi sembra il massimo, specie considerando che gli utenti potrebbero anche navigare o scaricare posta ed eseguire programmi e... beh, compromettere un DC non è esattamente salutare per l'intera infrastuttura :)

     

    mercoledì 21 dicembre 2011 09:00
  • Grazie mille per le spiegazioni...mi stanno aiutando davvero molto.

    Exchange attualmente non è usato per rubriche/calendari condivisi.... è usato solo per salvare la posta ricevuta. Già ora tutta la posta viene inviata/ricevuta tramite server esterni e la posta interna è minima. Diciamo che quindi è usato come "salvataggio per la posta" direttamente sul server interno. Cosi se il client si rompe, la posta è backuppata sul server interno.

    L'IIS non è collegato col mondo esterno, viene usato solo nella lan interna per il crm.

    Proponendo quindi la rimozione del terminal server e exchange (e quindi il salvataggio della posta con dei backup), mi pare questa soluzione un buon compromesso...

    - windows server 2003 (std) come File Server, server DC primario, server DNS, server DHCP

    - windows sever 2003 (std) come IIS server, sql server

    - un server aggiuntivo come secondo DC, DNS, DHCP

    Oppure meglio ancora questa:

    - windows server 2003 (std) come File Server, server DC secondario, DNS, DHCP

    - windows sever 2003 (std) come IIS server, sql server

    - un server aggiuntivo come DC primario, DNS, DHCP

    mercoledì 21 dicembre 2011 09:41
  • Exchange attualmente non è usato per rubriche/calendari condivisi.... è usato solo per salvare la posta ricevuta. Già ora tutta la posta viene inviata/ricevuta tramite server esterni e la posta interna è minima. Diciamo che quindi è usato come "salvataggio per la posta" direttamente sul server interno. Cosi se il client si rompe, la posta è backuppata sul server interno.

    Non ho capito cosa intendi per "salvare la posta ricevuta"; exchange sta usando dei POP3 connectors per scaricare la posta e recapitarla alle varie mailboxes locali o cosa ?

    L'IIS non è collegato col mondo esterno, viene usato solo nella lan interna per il crm.

    Beh... sino a che resterà isolato, potresti anche lasciarlo su una macchina non dedicata ma occhio, perchè nel momento in cui vi fosse la necessità di pubblicarlo rischieresti GROSSO

    Proponendo quindi la rimozione del terminal server e exchange (e quindi il salvataggio della posta con dei backup), mi pare questa soluzione un buon compromesso...

    - windows server 2003 (std) come File Server, server DC primario, server DNS, server DHCP

    - windows sever 2003 (std) come IIS server, sql server

    - un server aggiuntivo come secondo DC, DNS, DHCP

    Oppure meglio ancora questa:

    - windows server 2003 (std) come File Server, server DC secondario, DNS, DHCP

    - windows sever 2003 (std) come IIS server, sql server

    - un server aggiuntivo come DC primario, DNS, DHCP

    Premettendo che un approccio di questo tipo NON mi piace, visto che per risparmiare qualcosa ora rischi di perdere parecchio tempo (e tempo = denaro) in futuro a causa di problemi legati alla manutenzione ed altre problematiche, direi che potresti valutare qualcosa di questo tipo

    • Server1: DC, DNS, DHCP, Console Antivirus
    • Server2: DC, DNS, DHCP, SQLserver, WUS
    • Server3: Member server, Exchange, IIS
    • Unità NAS che funga da fileserver

    in questo modo manterresti la funzionalità mail interna potendo oltretutto sfruttare le funzionalità di exchange evitando tra l'altro di installarlo su un DC, eviteresti di sovraccaricare il DC primario, avresti ridondanza di servizi base (DNS, DHCP), avresti un server WUS per distribuire gli aggiornamenti e delegheresti al NAS (che dovrà essere un modello che supporti l'integrazione AD) il compito di servire files ai clients della rete o di memorizzare i backups degli stessi; a proposito, la "console antivirus" fa riferimento ad un AV di tipo aziendale che abbia una console centralizzata per la gestione e l'aggiornamento dei vari clients installati sui sistemi (sia client che server); considera che in un ambito aziendale, usare un qualsiasi altro AV di tipo "home" non solo è sconsigliato ma è... un suicidio

    Ripeto, NON è una soluzione che ritengo ottimale ma, come ho già detto, se vuoi procedere per tale strada credo che quello sopra possa essere il compromesso più accettabile

    mercoledì 21 dicembre 2011 10:14
  • Come unità NAS cosa consiglieresti per avere una buona protezione dei dati e velocità?

    Forse dico una cavolata ma per prendere un NAS non converrebbe uno storage con dual controller (e di qui sarebbe ottima una partenza anche futura alla virtualizzazione)....

    Probabilmente il NAS costa mooolto meno? :-)

    mercoledì 21 dicembre 2011 21:18
  • I Nas soho di solito hanno su una distro Linux quindi l'integrazione con AD è sempre molto delicata e spesso danno problemi.. Molto meglio prenderne uno iSCSI e agganciarlo al server. Personalmente mi sono trovato sempre bene con diversi Qnap, ma considera che un modello con 2 dischi das 2TB ti costa più o meno 1.000 euro...

    Se invece vuoi un NAS iSCSI da usare come storage condiviso per un'infrastruttura virtuale devi prendere qualcosa di più professionale tipo l'EqualLogic PS4100XV con doppio alimentatore, doppio controller, dischi SAS da 15k ma sei nell'ordine dei 15/20k euro...

    Forse è il caso di capire un attimo dove vuoi arrivare e quanto è il tuo budget, altrimenti non si arriva mai da nessuna parte..


    Ciao

     


    Andrea Sistarelli
    MCT-MCSE-MCTS-CCNA
    mercoledì 21 dicembre 2011 22:34
  • Capito, si hai ragione. Prossimamente ho una riunione con i capi e provo a capire cosa sono disposti a fare.

    A primo approccio sembrava che non volessero spendere tanto o per fare una situazione "poco ottimale"....diciamo un buon compromesso.

    Avevo visto anche io i qnap e pensato a virtualizzare il tutto con un qnap come storage condiviso (eventualmente 2 qnap sincronizzati per avere più affidabilità) solo che appunto....avrei paura che alla fine di tutto magari è una soluzione economica e "poco ottimale"....con i rischi che nel giro di poco tempo ci siano nuovi problemi....

    giovedì 22 dicembre 2011 09:00
  • Capito, si hai ragione. Prossimamente ho una riunione con i capi e provo a capire cosa sono disposti a fare.

    A primo approccio sembrava che non volessero spendere tanto o per fare una situazione "poco ottimale"....diciamo un buon compromesso.

    Avevo visto anche io i qnap e pensato a virtualizzare il tutto con un qnap come storage condiviso (eventualmente 2 qnap sincronizzati per avere più affidabilità) solo che appunto....avrei paura che alla fine di tutto magari è una soluzione economica e "poco ottimale"....con i rischi che nel giro di poco tempo ci siano nuovi problemi....


    Ecco, credo che la prima cosa da fare sia capire bene ... cosa si vuole fare e quanto si è disposti ad investire; se poi decideste per l'uso di QNAP o di altro storage iSCSI (nota per Andrea, si, ho scritto NAS ma mi riferivo ad unità di quel tipo) credo che converrebbe rivalutare anche il discorso iniziale, ossia considerare l'idea di effettuare un consolidamento mettendo in piedi (almeno) un paio di hosts fisici sui quali ospitare le VM con i vari servers; a quel punto, come avevo già scritto, sareste in grado di espandere ulteriormente l'infrastuttura se/quando necessario e guadagnereste dal punto di vista della gestione della stessa... senza considerare che eliminereste il problema dell'obsolescenza dell'hardware visto che potreste in un qualche futuro aggiornare l'hardware senza dover reinstallare gli OS server

    ciao

     

    giovedì 22 dicembre 2011 09:50
  • Eccomi... ho indagato meglio il tutto e attualmente ci sono:

    - per backup un HP StorageWorks Ultrium 448 con cassette da 400Gb

    - HP proliant dl380 G5 con 4Gb ram e 4 dischi scsi da 146gb (Raid1+0) che funge da DC, DNS, DHCP, SQL, Exchange, File Server

    - HP proliant dl380 G5 con 4Gb ram e 2 dischi sas da 146gb (Raid1) che funge da console AV, term server, IIS

    - switch procurve 2626 (quindi porte 10/100MB)

    Eventualmente se serve si può recuperare un "HP Proliant DL140G3 4Gb ram e con 2 dischi piccoli (80gb) in raid1"

     

    Attualmente i server "ce la fanno" visto che i client che utilizzano i servizi sono pochi ma come vedete c'è una struttura non molto adeguata (e tutti i 3 server hanno windows 2003 std 32bit OEM).

    Dovrei consigliare cosa e come cambiare per migliorare manutenzione e struttura. Considerando il poco lavoro dei client e che se ci fosse un fermo macchina di un giorno non darebbe enormi problemi.... Inoltre IIS non sarà mai su internet e eventualmente se Exchange richiede una licenza in più di windows, si potrebbe anche togliere.

    Secondo voi come si può migliorare? Come budget mi han chiesto un paio di soluzioni che valuteranno e che nel caso si può prendere un piccolo storage (oppure si aumentano i dischi locali sui server se serve).

    Probabilmente uno storage+virtualizzare mi sembra che sia ottimo sia per backup/disaster recovery/espandibilità ma dovrebbero comprare ram, nuove licenze di windows server (esempio due 2008 enterprise), storage e "buttare" il tape attuale...oppure aumentare solo i dischi in locale sui due server?

    Grazie


    • Modificato Pixy123 venerdì 23 dicembre 2011 17:23
    venerdì 23 dicembre 2011 10:01
  • Secondo voi cosi come la vedete?

    1) Aumento di RAM e hard disk sulla macchina con processore più potente

    2) Acquisto di una W2008 Enterprise (che puoi virtualizzare fino a 4 istanze) e fare queste machine sull'host fisico potenziato:
    - w2008 DC primario, DNS, DHCP (2Gb Ram)
    - w2008 DC secondario, DNS, DHCP (2Gb Ram)
    - w2008 WSUS, File Server, Console Antivirus (6Gb Ram)
    - w2008 SQL Server (6 Gb Ram)
    - w2003 OEM
    Terminal Server (4Gb Ram)

    3) Sull'altro host fisico IIS+Exchange (sul w2003 OEM che c'è già)

    martedì 27 dicembre 2011 16:16