locked
Bug NTFS? - Dove e' finito il mio file? RRS feed

  • Domanda

  • Salve a tutti, scrivo qui con la speranza di poter un giorno usare il mio Windows 7 Professional.
    L'errore in questione si e' verificato durante una normale sessione di lavoro con un noto software di sviluppo web: Easy PHP.
    Premessa: E' necessario far partire il software con diritti amministrativi, altrimenti il server SQL non e' in grado di funzionare.
    Il lavoro richiedeva la modifica di alcuni file (di testo) sul filesystem del mio PC con windows 7. Cosa abbastanza normale per un qualunque editor di testo (in questo caso PSPad).
    Le stranezze sono insorte subito; nonostante il salvataggio e la riapertura (per verifica) dei file, i cambiamenti non venivano letti da Easy PHP (Apache) che continuava a mostrarmi la vecchia versione dei file (la prima, quella estratta da un file zip prima di iniziare il lvoro).
    Ho impiegato piu' di un'ora prima di gettare la spugna e di ripartire da zero con un altro sistema operativo (linux).
    Questo passaggio mi ha obbligato a prelevare l'ultima versione del file da me modificato in Windows direttamente dalla partizione NTFS di seven.
    Qui il mistero si e' svelato: inspiegabilmente mi son ritrovato fra le mani i primissimi file, quelli appena scompattati, quindi allo stato iniziale. Le mie modifiche erano e sono tutt'ora visibili sono in ambiente Windows 7.
    A nulla e' servito disabilitare i punti di ripristino (e quindi, a detta Microsoft) anche il versionamento dei file.
    Onestamente, in tanti anni di esperienza uso/sviluppo su sistemi Microsoft, non ho mai visto niente del genere.
    Morale della favola:
    l'utente, se esegue software con diritti di amministratore, visualizza (e modifica?) un altro file.
    Al momento il mio lavoro e' fortemente rallentato (mi serve windows), in rete non ho trovato topics simili, che fare (oltre che smaltire la rabbia)?
    Grazie per ogni suggerimento!
    Saluti, Davide



    martedì 15 dicembre 2009 18:20

Risposte

  • E' la prima cosa che ho fatto: disabilitare le shadow copies.
    Al tuo posto avrei evitato di toccare le shadow copies, piuttosto avrei cercato qualche dettaglio riguardo la virtualizzazione di file e registro di sistema, in questo modo probabilmente potresti risolvere senza nemmeno alterare le ACL della cartella come suggerito dall'articolo che ti è stato linkato.

    Per quanto mi è dato di capire lo scenario 2 si avvicina al caso che descrivi:

    http://support.microsoft.com/kb/927387/en-us
    martedì 15 dicembre 2009 23:00

Tutte le risposte

  • Molto probabilmente è una questione di permessi:

    http://ryan.rawswift.com/2009/09/20/easyphp-on-64-bit-windows-7-how-to-fix-apache-and-mysql-problem/

    Ciao

    Franco Leuzzi - Microsoft ® MVP Windows Desktop Experience
    martedì 15 dicembre 2009 18:26
    Moderatore
  • Personalmente , e senza alcuna polemica , ti faccio notare che usare un nick come il tuo in un Forum Microsoft  non mi pare molto corretto.
    E mi fermo qui.
    Ciao

    Franco Leuzzi - Microsoft ® MVP Windows Desktop Experience
    martedì 15 dicembre 2009 18:28
    Moderatore
  • Grazie per il link.
    Anche se il problema non e' legato ad Easy PHP, l'idea dei permessi e' sicuramente una possibile causa.
    Ho esaminato le chiamate al so con process monitor: nessun errore.
    L'editor di testo non accede ad alcuna cache. Anche riavviando il sistema e svuotando la temp di windows, il risultato non cambia.
    Pare esistano due (2) versioni dello stesso file nella stessa directory con lo stesso nome.
    Aprendo i file con i permessi di amministrazione, si accede alla versione reale, ovvero quella iniziale.
    Curiosamente tutto cio' non si verifica con ogni editor. Notepad ad esempio pare apra la versione reale (questo potrebbe essere dovuto ad un vincolo di permessi).
    Un errore? In my humble opinion: probabile.
    Certo e' che tenere due file "con lo stesso nome" nella stessa posizione puo' portare a risultati inaspettati.
    A questo punto mi pongo una domanda: quanti file nel mio filesystem potrebbero essere raddoppiati?

    Salute a tutti!
    Davide
    martedì 15 dicembre 2009 19:15
  • Moltissimi.
    Sentito parlare di copie shadows?
    Ciao

    Franco Leuzzi - Microsoft ® MVP Windows Desktop Experience
    martedì 15 dicembre 2009 19:18
    Moderatore
  • E' la prima cosa che ho fatto: disabilitare le shadow copies.
    Inoltre alla prima anomalia avevo subito controllato l'esistenza di copie di backup (tramite la normale finestra proprieta' del file); risultato: negativo.
    Qualcosa e' andato storto. Ho pensato di pubblicizzare la cosa solo perche' non ho trovato casi simili online.
    martedì 15 dicembre 2009 20:44
  • E' la prima cosa che ho fatto: disabilitare le shadow copies.
    Al tuo posto avrei evitato di toccare le shadow copies, piuttosto avrei cercato qualche dettaglio riguardo la virtualizzazione di file e registro di sistema, in questo modo probabilmente potresti risolvere senza nemmeno alterare le ACL della cartella come suggerito dall'articolo che ti è stato linkato.

    Per quanto mi è dato di capire lo scenario 2 si avvicina al caso che descrivi:

    http://support.microsoft.com/kb/927387/en-us
    martedì 15 dicembre 2009 23:00
  • Purtroppo in questo caso la virtualizzazione non c'entra, mai usata. Tutti i software utilizzati girano nativamente su un windows 7 pro a 32bit.
    In ogni caso le ACL al limite dovrebbero impedire la lettura/scrittura di un file, non permettere di avere due file con lo stesso nome nella stessa locazione ma di utenti diversi, corretto?
    Se ho tempo provo a ricreare l'errore da zero, in modo da descrivere meglio il problema e renderlo pubblico.

    ciao ciao ciao
    martedì 15 dicembre 2009 23:52
  • Purtroppo in questo caso la virtualizzazione non c'entra, mai usata.

    Sei completamente sicuro? 
    Immagino che tu non abbia nemmeno letto l'articolo della kb che ho fornito nel messaggio precedente, mi dispiace, comunque in bocca al lupo per risoluzione del tuo problema :-)

    http://tinyurl.com/y8lsz9t
    mercoledì 16 dicembre 2009 06:24