none
Passaggio a Exchange online: alcuni dubbi RRS feed

  • Domanda

  • In vista di una migrazione di un vecchio Exchange 2003 (quello compreso in SBS) ad Exchange online vorrei avere chiari alcuni punti che, anche cercando sulle pagine specifiche, non sono riuscito a comprendere a pieno.

    1) Integrazione con Active Directory: Il server attuale verrà sicuramente sostituito con un Windows Server 2012 che avrà ruoli di Domain Controller e File Server. Come sono legate le credenziali dei due ambienti? Le impostazioni di scadenza e complessità della password dell'utente AD si riflettono anche su Exchange o le due cose sono slegate?

    2) Ci sarà una sorta di "single sign-on" che consenta agli utenti di dominio di non dover ridigitare la password ogni volta che entrano in Outlook?

    3) Ricezione della posta: Bisogna per forza dirottare il record MX del proprio provider o ci sarà qualche forma di "pop3 connector"? 

    4) In caso il cliente abbia già un dominio di terzo livello del tipo "mail.nomeazienda.it" legato a dei certificati (autoprodotti o acquistati), può continuare ad usarlo (previo cambio degli IP di riferimento) con quei certificati?

    Mi bastano anche risposte brevi e semplicistiche, giusto per avere un'idea delle implicazioni che il cambio porterà. Per gli approfondimenti mi arrangerò. Vi prego, non inondatemi semplicemente di link a pagine che, quasi certamente, ho già visitato e non mi sono state d'aiuto.

    Grazie

    giovedì 26 settembre 2013 17:32

Risposte

  • Ciao Luke,

    di seguito le risposte alle tue domande:

    1) Se stai parlando di "Exchange Online", è prevista l'integrazione con AD ed il single sign-on, nel caso puoi confrontare i vari piani e vedere quali prevedono questa funzione:

    http://office.microsoft.com/it-it/confronto-dei-piani-di-office-365-per-le-aziende-FX102918419.aspx

    In questo caso va implementato ADFS (Active Directory Federation Services) che ti consente di integrare il tuo AD con il cloud e quindi potrai continuare a gestire gli utenti AD con gli strumenti che hai utilizzato finora.

    http://technet.microsoft.com/it-it/library/jj151786.aspx

    2) Se implementi ADFS potrai fare in modo che gli utenti si autentichino al dominio e possano accedere ai servizi on-line facendo single sign-on

    3) Se tu prevedi di avere una configurazione ibrida, quindi con parte degli utenti Exchange on-prem e parte on-line, puoi scegliere il punto di ingresso del tuo flusso smtp, puoi dirottarlo sul cloud oppure puoi farlo arrivare on-prem. Se invece hai solo utenti on-line ovviamente l'MX dovrà puntare agli host Microsoft di Exchange Online

    4) In caso di configurazione ibrida, è tutto da valutare, in caso di solo on-line, non ti devi preoccupare dei certificati, fanno parte dell'infrastruttura Exchange Online e sono gestiti da Microsoft

    Roberto


    IT Consultant | Microsoft MCSE MCTS MCITP MCT MCSA ------------------------------------------ If you found my post helpful, please give it a Helpful vote ------------------------------------------ If it answered your question, remember to mark it as an Answer -----------------------------------

    • Proposto come risposta Anca Popa lunedì 30 settembre 2013 13:02
    • Contrassegnato come risposta Anca Popa mercoledì 2 ottobre 2013 07:34
    giovedì 26 settembre 2013 20:28
    Moderatore
  • Exchange Online è uno dei componenti di Office365. Puoi attivare la trial di Office365 e valutare solo Exchange.

    Roberto


    IT Consultant | Microsoft MCSE MCTS MCITP MCT MCSA ------------------------------------------ If you found my post helpful, please give it a Helpful vote ------------------------------------------ If it answered your question, remember to mark it as an Answer -----------------------------------

    giovedì 24 ottobre 2013 06:56
    Moderatore

Tutte le risposte

  • Ciao Luke,

    di seguito le risposte alle tue domande:

    1) Se stai parlando di "Exchange Online", è prevista l'integrazione con AD ed il single sign-on, nel caso puoi confrontare i vari piani e vedere quali prevedono questa funzione:

    http://office.microsoft.com/it-it/confronto-dei-piani-di-office-365-per-le-aziende-FX102918419.aspx

    In questo caso va implementato ADFS (Active Directory Federation Services) che ti consente di integrare il tuo AD con il cloud e quindi potrai continuare a gestire gli utenti AD con gli strumenti che hai utilizzato finora.

    http://technet.microsoft.com/it-it/library/jj151786.aspx

    2) Se implementi ADFS potrai fare in modo che gli utenti si autentichino al dominio e possano accedere ai servizi on-line facendo single sign-on

    3) Se tu prevedi di avere una configurazione ibrida, quindi con parte degli utenti Exchange on-prem e parte on-line, puoi scegliere il punto di ingresso del tuo flusso smtp, puoi dirottarlo sul cloud oppure puoi farlo arrivare on-prem. Se invece hai solo utenti on-line ovviamente l'MX dovrà puntare agli host Microsoft di Exchange Online

    4) In caso di configurazione ibrida, è tutto da valutare, in caso di solo on-line, non ti devi preoccupare dei certificati, fanno parte dell'infrastruttura Exchange Online e sono gestiti da Microsoft

    Roberto


    IT Consultant | Microsoft MCSE MCTS MCITP MCT MCSA ------------------------------------------ If you found my post helpful, please give it a Helpful vote ------------------------------------------ If it answered your question, remember to mark it as an Answer -----------------------------------

    • Proposto come risposta Anca Popa lunedì 30 settembre 2013 13:02
    • Contrassegnato come risposta Anca Popa mercoledì 2 ottobre 2013 07:34
    giovedì 26 settembre 2013 20:28
    Moderatore
  • Ciao Sky, io che sono anticloud per eccellenza almeno per i dati ti dico: server in casa sempre ed alla grande. ah ah!

    ciao!

    Ale

    venerdì 27 settembre 2013 05:26
    Moderatore
  • Nessuna configurazione ibrida. Gli utenti sono una decina e butterei tutto on-line. Una volta migrato tutto, disattiverei l'Exchange 2003 in previsione della successiva sostituzione dell'attuale SBS2003 con una nuova macchina che monti Windows Server 2012.

    Chiarito il discorso del single sign-on, resta l'incognita del collegamento alle caselle postali del provider. Mi sai indicare qualche link esplicativo per tale argomento?

    Grazie

    venerdì 27 settembre 2013 07:06
  • Non capisco cosa intendi per "provider".... forse intendi che ora il record MX non punta al tuo server Exchange (SBS) ma punta ad un provider, presso il quale avete le mailbox che poi vengono scaricate dal vostro Exchange con una pop3 connector?

    Dimenticati questa cosa, si dismettono le mailbox dal provider, si gira il record MX verso Exchange Online e si configurano i client Oulook con un profilo MAPI via Outlook Anywhere.

    Spero di avere inteso correttamente.

    Roberto


    IT Consultant | Microsoft MCSE MCTS MCITP MCT MCSA ------------------------------------------ If you found my post helpful, please give it a Helpful vote ------------------------------------------ If it answered your question, remember to mark it as an Answer -----------------------------------

    venerdì 27 settembre 2013 07:17
    Moderatore
  • Tendenzialmente anche io preferirei una soluzione locale al 100%. Purtroppo il mercato si sta muovendo in un'altra direzione e la stessa Microsoft, eliminando i prodotti "all-in-one" come SBS (dicono che Windows Server 2012 Essentials sostituisce SBS, ma non è vero, visto che non implementa Exchange), tanto criticato, imperfetto finché vuoi, ma molto utile nelle piccole realtà, soprattutto per la questione del prezzo, ha dato una forte spinta alla cosa. In questo momento, per implementare una struttura al 100% locale, dovrei imporre al cliente l'acquisto di più licenze e più macchine (o una particolarmente pompata per virtualizzare le altre) rispetto ad una soluzione SBS.

    Il cliente aveva accennato addirittura alla volontà di trasferire tutto il server nella nuvola ma, senza mettere in ballo complottismi e paranoie spionistiche, mi sono limitato a spiegargli che, col livello preistorico delle nostre linee ADSL, avere documenti, anche corposi, on-line avrebbe generato parecchi problemi di disponibilità. Un discorso diverso è quello della posta. Mi sono dovuto scontrare diverse volte con problematiche su Exchange e, non essendo propriamente "specializzato" sull'argomento, ho sempre perso parecchio tempo (per fortuna non ho mai perso dati). Il trasferimento ad una soluzione on-line mi consentirebbe di demandare a personale sicuramente più esperto e ad una struttura hardware sicuramente più controllata, tutta quella parte di backup e manutenzione che, se non correttamente implementata, rischia di portare alla perdita di dati.

    venerdì 27 settembre 2013 07:37
  • Si, avevi capito bene. Al momento per i clienti che hanno un SBS, scarico la posta via POP3 Connector. So che è una procedura sconsigliata, ma sinceramente mi fido poco (delle mie capacità) a far dirottare direttamente i record MX. Più che altro, non potendo sempre intervenire tempestivamente, ho paura che in caso di problemi al server, la posta in arrivo finisca chissà dove

    venerdì 27 settembre 2013 10:19
  • Qualcuno sa indicarmi se è possibile testare Exchange online da qualche parte con un account di prova? Trovo solo la possibilità di provare Office 365 o Exchange 2013
    mercoledì 23 ottobre 2013 18:30
  • office 365 è exchange online...
    giovedì 24 ottobre 2013 06:05
    Moderatore
  • Exchange Online è uno dei componenti di Office365. Puoi attivare la trial di Office365 e valutare solo Exchange.

    Roberto


    IT Consultant | Microsoft MCSE MCTS MCITP MCT MCSA ------------------------------------------ If you found my post helpful, please give it a Helpful vote ------------------------------------------ If it answered your question, remember to mark it as an Answer -----------------------------------

    giovedì 24 ottobre 2013 06:56
    Moderatore
  • Grazie per il chiarimento.

    Sul sito questa cosa non si capisce perché i due prodotti sembrano ben distinti, soprattutto nel prezzo (3,30€/mese per Exchange, 10,40€/mese per Office). Il sospetto nasce solo quando, dalla pagina di Exchange, si clicca su "Prova o Acquista" e si viene ridiretti alla pagina di Office365

    giovedì 24 ottobre 2013 07:56
  • Effettivamente Exchange Online è disponibile anche come piano separato, senza gli altri componenti di Office365.

    Per quanto riguarda la trial non è disponibile Exchange Online singolarmente ma devi passare dalla trial di Office365.

    Attenzione ad una cosa, se attivi uno trial di Office365 puoi successivamente regolarizzare e tenere la configurazione che hai attivato, per passare dalla trial di Office365 a Exchange Online, devi attivare la trial di Office365 Piano E3, altrimenti con gli altri piani non potrai passare a Exchange Online.

    Roberto


    IT Consultant | Microsoft MCSE MCTS MCITP MCT MCSA ------------------------------------------ If you found my post helpful, please give it a Helpful vote ------------------------------------------ If it answered your question, remember to mark it as an Answer -----------------------------------

    giovedì 24 ottobre 2013 08:03
    Moderatore
  • Grazie per il suggerimento.
    venerdì 25 ottobre 2013 13:29