none
Macchine virtuali RRS feed

  • Domanda

  • Ciao a tutti, volevo domandare ho la necessita di creare 4-5 virtual machine o con win xp pro service pack3 o windows 7 da assegnare ad alcuni utenti che si loggano tramite remote desktop services sia internamente che esternamente,il mio problema è quello che creo le macchine virtuali le assegno agli utenti, ma quando questi si loggano al sistema la macchina virtuale assegnata non parte, percui visualizzano la schermata di win 2008 r2, il procedimento da me seguito è il seguente: su un primo server denominato "serverdc" dotato di win 2008 r2 standard, gli installo il ruolo di domain controller "prova" + eventualmente exchange per dare agli utenti la possibilità di gestire la posta interna, su un secondo server denominato "serverrds" dotato di win 2008 r2 standard lo rendo membro del dominio "prova" come Domain Admin, dopodiche gli installo i ruoli di remote desktop services + hyper-v, e qui che secondo me faccio confusione perchè non riesco a capire che nome assegnare alle varie macchine virtuali che se non sbaglio è importante per il buon funzionamento del tutto, percui una volta creato le varie macchine virtuali le stesse devono far parte del dominio "prova"???, ed inoltre è corretto che il "serverrds" faccia parte del Domain Admins????

    Sicuro in un vostro gentile aiuto, vi saluto e vi ringrazio molto.



    venerdì 12 agosto 2011 07:15

Risposte

  • Ciao Totonno

    Allora : non è un problema di "procedure" ma di capire l'architettura di cui parliamo.

    Cercherò di farti un breve riassunto.

    Innanzitutto devi stabilire se vuoi che dare a ciascun utente un "computer virtuale" specifico oppure se ti va bene creare un "template" e dare a tutti i tuoi utenti lo stesso virtual desktop (nel qual caso si parla di "pooled desktops" e le modifiche che vengono effettuate sul VDI vengono perse quando l'utente "spegne" la sua macchina virtuale).

    Questa prima scelta condizionerà poi l'architettura del tuo ambiente VDI.

    La struttura richiede Windows 2008 R2 come D.C. (e mi sembra che tu già ci sia) e una serie di funzionalità che sono basilarmente di "presentazione / accesso" ai virtual desktop (Remote Desktop Connection Broker,Remote Desktop Session Host in redirection mode e Remote Desktop Web Access) e di gestione delle macchine virtuali che andrai a creare (visto che ogni virtual desktop è in effetti una macchina gestita su un host Hyper V) ovvero Remote Desktop Virtualization Host.

    Un documento "ufficiale" è questo

    http://technet.microsoft.com/en-us/library/dd883265(WS.10).aspx

    Mentre puoi vedere una demo di un setup su "singolo server" qui

    http://www.microsoft.com/showcase/en/us/details/fbaf6f70-45fd-4c81-be70-6d276d54776b

    Ovviamente ci sono molte cose da considerare, ti consiglierei di partire dalla demo per farti un'idea di come funziona il tutto.


    Fabrizio Volpe
    MVP Directory Services
    MCSE (NT4)(2000)(2003) - MCSA (2003)
    MCTS (SQL 2005)(Exchange 2007)(Windows 2008)
    VMware Certified Professional on vSphere 4
    Fortinet Certified Network Security Professional (FCNSP)
    Fabrizio[_dot_]Volpe[_at_]GMX[_dot_]com
    martedì 16 agosto 2011 07:47

Tutte le risposte

  • mi pare che ti mancano parecchi pezzi.

    ti consiglio di leggere attentamente questo 3d

    http://social.technet.microsoft.com/Forums/en/winserverTS/thread/0d253874-076a-4286-b552-ae4bd254bb7b

    stando particolarmente attento al concetto di RDS Connection Broker (che è il pezzo fondamentale che ti manca da configurare).

    ciao.


    Edoardo Benussi
    Microsoft MVP - Management Infrastructure
    edo[at]mvps[dot]org
    venerdì 12 agosto 2011 10:12
    Moderatore
  • Nel ringraziarti per la cortese risposta, volevo chiederti ma i passaggi da me sopra descritti sono corretti? riconoscendo che mancano alcuni passaggi, la cosa che mi premeva sapere è se sto seguendo una linea giusta.

    GRazie.

    venerdì 12 agosto 2011 15:26
  • la linea è giusta ma devi comunque leggerti il thread per capire cosa manca.

    ciao.


    Edoardo Benussi
    Microsoft MVP - Management Infrastructure
    edo[at]mvps[dot]org
    sabato 13 agosto 2011 05:48
    Moderatore
  • Nel ringraziarti per la cortese risposta, volevo chiederti ma i passaggi da me sopra descritti sono corretti? riconoscendo che mancano alcuni passaggi, la cosa che mi premeva sapere è se sto seguendo una linea giusta.

    GRazie.


    la procedura è totalmente cannata....ma purtroppo ti è stato detto il contrario. ti servono almeno 3 server per fare una cosa fatta bene:

    n.1 DC....senza mettere exchange (e come ti viene in mente di farlo?). ti serve anche il ruolo di CA, per l'emissione dei certificati digitali, altrimenti non funziona
    n.1 RDS con i ruoli di session host e licensing
    n.1 RDS con i ruoli di web access, gateway e connection broker

    a questi, che possono essere virutali, devi aggiungere un host fisico con il ruolo di RDS virtualization host. fatti un giro qua, perchè devi imparare a configurare tutti i ruoli nel modo migliore: http://technet.microsoft.com/en-us/windowsserver/ee236407.aspx 

    S


    S.Net
    MCITP Enterprise Administrator - MCTS Virtualization - Operations Manager 2007 - Exchange Server 2007 - MCSE-M
    S.Net Blog
    WindowServer.it
    WindowServer.it Learning Portal

    sabato 13 agosto 2011 18:02
  • la procedura è totalmente cannata....


    ci sono due possibilità: o hai una visione della realtà distorta o il tuo italiano è alquanto opinabile.

    l'op nel suo primo post afferma in sostanza di aver tirato su un dc e un server rds,

    nella soluzione che riporti giustamente tu c'è un dc, un rds con ruolo di session host e un server rds con ruolo di web access, gateway e connection broker

    e tu definisci la procedura dell'op "totalmente cannata" ?

    io definirei "toatalmente cannata" la procedura se l'op partiva da un xp home edition...

    ciao.


    Edoardo Benussi
    Microsoft MVP - Management Infrastructure
    edo[at]mvps[dot]org
    domenica 14 agosto 2011 07:23
    Moderatore
  • se tu conoscessi il ruolo, magari avresti una visione più ampia del problema e della tecnologia, invece di dare solo link presi su internet. E' totalmente cannata la soluzione, perchè mancano molti step e dei ruoli importanti, solo che se tu tagli i pezzi delle mie risposte vai a distorcere la realtà. il fatto che abbia messo su un 2008 r2 con un dc ed un server rds, non significa che allora è stato bravo a metà. a questo aggiungiamo il fatto che non è stata letta neppure una riga di documentazione, che è la regola primaria per fare una qualunque cosa.

    S


    S.Net
    MCITP Enterprise Administrator - MCTS Virtualization - Operations Manager 2007 - Exchange Server 2007 - MCSE-M
    S.Net Blog
    WindowServer.it
    WindowServer.it Learning Portal

    domenica 14 agosto 2011 08:27
  • Ragazzi in tutto questo, volevo sapere visto che le procedure da me usate sono "CANNATE", cortesemente invece di azzuffarvi mi consigliereste qualche procedura corretta.

     

    GRazie 10000

    domenica 14 agosto 2011 19:30
  • Ciao Totonno

    Allora : non è un problema di "procedure" ma di capire l'architettura di cui parliamo.

    Cercherò di farti un breve riassunto.

    Innanzitutto devi stabilire se vuoi che dare a ciascun utente un "computer virtuale" specifico oppure se ti va bene creare un "template" e dare a tutti i tuoi utenti lo stesso virtual desktop (nel qual caso si parla di "pooled desktops" e le modifiche che vengono effettuate sul VDI vengono perse quando l'utente "spegne" la sua macchina virtuale).

    Questa prima scelta condizionerà poi l'architettura del tuo ambiente VDI.

    La struttura richiede Windows 2008 R2 come D.C. (e mi sembra che tu già ci sia) e una serie di funzionalità che sono basilarmente di "presentazione / accesso" ai virtual desktop (Remote Desktop Connection Broker,Remote Desktop Session Host in redirection mode e Remote Desktop Web Access) e di gestione delle macchine virtuali che andrai a creare (visto che ogni virtual desktop è in effetti una macchina gestita su un host Hyper V) ovvero Remote Desktop Virtualization Host.

    Un documento "ufficiale" è questo

    http://technet.microsoft.com/en-us/library/dd883265(WS.10).aspx

    Mentre puoi vedere una demo di un setup su "singolo server" qui

    http://www.microsoft.com/showcase/en/us/details/fbaf6f70-45fd-4c81-be70-6d276d54776b

    Ovviamente ci sono molte cose da considerare, ti consiglierei di partire dalla demo per farti un'idea di come funziona il tutto.


    Fabrizio Volpe
    MVP Directory Services
    MCSE (NT4)(2000)(2003) - MCSA (2003)
    MCTS (SQL 2005)(Exchange 2007)(Windows 2008)
    VMware Certified Professional on vSphere 4
    Fortinet Certified Network Security Professional (FCNSP)
    Fabrizio[_dot_]Volpe[_at_]GMX[_dot_]com
    martedì 16 agosto 2011 07:47
  • Nel ringraziarti per la cortese risposta, sono riuscito tramite la demo a configurare le virtual machine, volevo chiederti un ultima cosa ho notato che la macchina virtuale "Win7 pro 32bit", non è molto fluida, cosa posso fare per migliorare un po le performance?, ed inoltre dovendo fare 4 virtual machine identiche cè un metodo per poter velocizzare la procedura.

    Grazie per la gentile disponibilità
    venerdì 19 agosto 2011 08:08
  • Esistono vari documenti e tool, fra cui il VDI optimizer

    http://blogs.technet.com/b/deploymentguys/archive/2010/08/31/optimising-windows-7-images-for-use-in-vdi.aspx

    Chiaramente le performance sono legate all'hardware che hai a disposizione (CPU, dischi e via dicendo) e alle risorse che metti a disposizione del virtual desktop.

    Per il clone puoi (ad esempio) esportare i settaggi e fare N copie di una macchina finita

    http://blogs.technet.com/b/chenley/archive/2011/03/23/exporting-cloning-virtual-machines-on-hyper-v-with-windows-server-2008-r2.aspx

    Ovviamente usa sysprep prima di fare la export, così i cloni faranno la parte di "setup" minimo iniziale.

    Quanto detto sopra, vale per i "dedicated desktop" (uno per utente).

    Se usi i pooled, in realtà, hai una singola immagine base a cui applichi dei files di "differenze" (ma non mi pare il tuo caso).


    Fabrizio Volpe
    MVP Directory Services
    MCSE (NT4)(2000)(2003) - MCSA (2003)
    MCTS (SQL 2005)(Exchange 2007)(Windows 2008)
    VMware Certified Professional on vSphere 4
    Fortinet Certified Network Security Professional (FCNSP)
    Fabrizio[_dot_]Volpe[_at_]GMX[_dot_]com
    venerdì 19 agosto 2011 08:52
  • Grazie volevo chiederti, ovviamente il vdi optimizer va eseguito sulla macchina vdi win7?, in pratica disabilitando o abilitando le opzioni presente nello script si migliorano le performance???, quali potrebbero i parametri da abilitare o disabilitare per guadagnare un po piu di fluidità?.

    GRazie


    venerdì 19 agosto 2011 09:08
  • Il tool crea uno script vbs che puoi applicare alle immagini che hai creato (e che poi potresti clonare).


    Fabrizio Volpe
    MVP Directory Services
    MCSE (NT4)(2000)(2003) - MCSA (2003)
    MCTS (SQL 2005)(Exchange 2007)(Windows 2008)
    VMware Certified Professional on vSphere 4
    Fortinet Certified Network Security Professional (FCNSP)
    Fabrizio[_dot_]Volpe[_at_]GMX[_dot_]com
    venerdì 19 agosto 2011 09:23
  • Perdonami percui il tool lo lancio da macchina virtuale avviata??

    Grazie.

    • Modificato Totonno73 sabato 20 agosto 2011 23:18
    venerdì 19 agosto 2011 09:30
  • Si, prevede stop di servizi e via discorrendo, quindi serve la macchina attiva.
    Fabrizio Volpe
    MVP Directory Services
    MCSE (NT4)(2000)(2003) - MCSA (2003)
    MCTS (SQL 2005)(Exchange 2007)(Windows 2008)
    VMware Certified Professional on vSphere 4
    Fortinet Certified Network Security Professional (FCNSP)
    Fabrizio[_dot_]Volpe[_at_]GMX[_dot_]com
    venerdì 19 agosto 2011 09:37