none
Windows Update di Vista (ma anche Windows 7) bloccati per ore prima di scaricare l'elenco degli aggiornamenti RRS feed

  • Domanda

  • Salve a tutti.

    Sono un Tecnico Informatico e so che da diversi mesi (+/- da quando è uscito Windows 10) l'aggiornamento Windows Update delle versioni precedenti di Windows impiega diverse ORE prima di vedere l'elenco degli aggiornamenti disponibili.

    L'ho già notato con diverse nuove installazioni di Windows 7 le quali hanno richiesto circa 5 ore per vedere l'elenco degli aggiornamenti per poi poterli normalmente scaricare con le tempistiche di sempre.

    Ieri mi è capitato di reinstallare un computer con Windows Vista (fortunatamente sono molto pochi i clienti che usano questo S.O.)... partendo con un DVD contenente già il SP2.

    Preciso che il sistema è pulito, appena reinstallato, senza ancora nessun antivirus o altri software oltre il driver della scheda Wireless (non automaticamente riconosciuta dall'installazione di Windows).

    Ho cliccato sul pulsante per la ricerca degli aggiornamenti ieri intorno alle 20.00. Ho disattivato lo standby del PC e ho lasciato il Computer acceso a scaricare gli aggiornamenti, pensando di trovare l'elenco pronto per questa mattina.

    Alle 11.00 dopo ben 15 ORE, il sistema Windows Update non è riuscito a mostrare ancora l'elenco degli aggiornamenti, operazione che prima di luglio 2015, richiedeva una decina di minuti.

    Cosa dobbiamo fare per installare gli aggiornamenti? Non posso consegnare il Computer ai clienti... se non capiscono pensano che l'installazione sia stata fatta male. Altrimenti se ne fregano e iniziano ad usare/navigare con il sistema potenzialmente non pianamente protetto.

    Personalmente ho sempre riconsegnato i Computer ai clienti con tutti gli aggiornamenti installati, anche perché qualcuno avendo una connessione Mobile, può avere problemi di esaurimento del plafond disponibile per la navigazione (specie chi ha solo 1 Giga al mese o peggio 250 MB alla settimana).

    E gradirei non ricevere risposte tipo wsusoffline o autopatcher, dato che ho provato il primo su altri PC ed è vero che gli aggiornamenti vengono scaricati, ma l'installazione rimane comunque bloccata per ora. Il secondo l'ho provato alcuni anni fa e ha con XP e ha creato grossi problemi.

    Insomma come dobbiamo comportarci con questi aggiornamenti?

    Perché se prima la generazione di questo elenco richiedeva 10 minuti ora richiede ore o giorni?

    Ringrazio Anticipatamente per le Risposte

    mercoledì 1 giugno 2016 14:59

Tutte le risposte

  • Ciao, prima di tutto non capisco l'ostinazione di continuare ad installare sistemi operativi fuori produzione tipo Vista. OK, ci sta che se uno ha quel sistema va rimesso su, ma ci sta anche che un sistema nato nel 2004 sia obsoleto e ci metta una vita a fare gli aggiornamenti? Dopo 12 anni di sistema operativo mi pare il caso di metterlo in pensione no, assieme ad XP? Su windows 7 noi da anni facciamo dei DVD con dentro tutti gli aggiornamenti in modo da non doverli riscaricare ogni volta se non quei pochi che mancano 

    https://social.technet.microsoft.com/Forums/windows/en-US/bb3a7114-59c4-483e-bb58-631913ceb658/making-bootable-win-7-dvd-which-includes-all-updates-etc?forum=w7itproinstall

    ed il discorso WSus in ambito professionale (te ne tieni uno in laboratorio e ti fai gli updates) non capisco perchè ti rimanga bloccato per ore, mai successo, al massimo togli il gateway così non cerca fuori. 

    Microsoft ha distribuito W10 gratis proprio per questo motivo. A livello residenziale a mio avviso chiunque abbia possibilità deve migrare, a livello business è un discorso diverso, ma sul business gli Update non sono mai automatici, ci sono Wsus e se non necessari non vanno messi su se non previa installazione in ambiente di test quindi quello è un discorso a se.

    Concludo dicendo che noi non siamo di MS, in questo forum rispondono persone indipendenti ma esterne, quindi io ho una società di IT esattamente come hai tu ma non me la prendo col brand, ho capito già da tempo che se non riesco ad indirizzare il cliente sulle nuove piattaforme non vado molto lontano, non è una critica ma se ti fai guidare dal cliente resti a vita a Windows XP. 

    Ciao!

    A.


    mercoledì 1 giugno 2016 15:44
    Moderatore
  • Ciao e grazie per la risposta :-)

    Il cliente ha un PC vecchiotto si, con Windows Vista. E' un signore anziano probabilmente con una piccola pensione con cui deve fare tutti i conti tutti i giorni e anche il costo della reinstallazione di Windows con Backup e Ripristino dei dati, per quanto contenuta, ha dovuto valutarla bene.

    Riguardo Vista, dato che è successa la stessa pochi mesi fa con un altro cliente, mi sono ripromesso di non metterci più le mani... Ma poi quali soluzioni ho per accontentare il cliente?

    - Far acquistare al cliente una licenza di Windows 7 o Windows 10 Home... costo circa 130 € + l'intervento... fa quasi prima a comprarsi un PC nuovo. (tralasciando che a quel prezzo dovrei vendere una licenza OEM che andrebbe venduta con un PC nuovo!!!)

    - Far acquistare al cliente un nuovo PC... ma il cliente in oggetto ora non può spendere (e cmq fa prima ad andare ad un Ipermercato invece che da un Piccolo Assemblatore/Venditore)

    - Tralascio altre soluzioni non regolari compresa l'acquisto di seconda mano di licenze OEM profesional a meno di 30 € (soluzioni però che alcuni colleghi stanno usando anche per PC nuovi!!!)

    Insomma... non è ostinazione del cliente, ma necessità... se si vuole rimanere nella legalità

    Vista è uscito nel 2007 non nel 2004, quindi ha 9 anni ;-).
    E' comunque vecchiotto... ma fino al luglio 2015 impiegava 10 minuti a vedere l'elenco degli aggiornamenti così come Windows 7 (Windows 8 non mi è capitato di reinstallarlo di recente).

    Insomma vedere gli aggiornamenti da scaricare non dovrebbe essere un problema a meno che non ci sia la volontà da parte di Microsoft di rallentare questa cosa. Ecco l'ho detto... ci deve essere un motivo, questo è il più banale e il più stupido, ma non ne trovo altri (scusa l'unitile polemica ;-) )

    Si purtroppo anche wsusoffline rimane bloccato per ore, e quando si sblocca anche gli aggiornamenti di Windows Update si sono sbloccati. Parlo dell'installazione, perché il download avviene normalmente. Proverò a togliere il gateway... magari così funziona.

    Riguardo questo passaggio:

    "Microsoft ha distribuito W10 gratis proprio per questo motivo. A livello residenziale a mio avviso chiunque abbia possibilità deve migrare"

    Io sapevo che era gratuito solo per chi aveva Windows 7 e 8.1 e che venivano "tollerate" le licenze pirata che rimanevano comunque pirata... Se invece hai info che per uso casalingo è possibile scaricarlo ed usarlo gratuitamente e legalmente è una informazione che mi è sfuggita (e cmq a questo punto non capisco la possibilità di vendere una licenza Home) ne la recente richiesta da parte di Microsoft di fare attenzione alle versioni "contraffatte" anche se presumo si riferisca a licenze OEM vendute di seconda mano senza hardware, cosa poco gradita a Microsoft (vedi link: http://www.gemm.it/ftp/prodotti/pdf/comunicato_microsoft.pdf)

    Concordo che non bisogna farsi "guidare" dal cliente... Se posso cerco di far aggiornare i clienti a Windows 10... e lo faccio io con un aggiornamento pilotato (in genere sono PC di lavoro per cui procedo con immagine > Aggiornamento > verifiche varie, spesso lavorando di sabato perché dal lunedì al venerdì i PC devono lavorare...)
    Però ci sono 1000 motivi per cui il cliente NON vuole cambiare... e il principale è perché non vuole o non può spendere...

    mercoledì 1 giugno 2016 16:51
  • 10 è gratis solo per 7,8,8.1 e salvo variazioni solo fino al 29 Luglio 2016. La mia idea per quanto soggetto alla crisi come tutti è che ci troviamo tutti qui per fare business, se iniziamo a farci carico di tutti i problemi delle persone non campiamo più. Andare incontro al cliente va sempre bene, ma se uno in 10 anni non ha la possibilità di acquistare un nuovo PC capirai che qualsiasi Brand deve continuare a campare e non può preoccuparsene, con una macchina ogni 10 anni nessuno di noi mangerebbe ogni mese. Qui però stiamo andando OT, la soluzione che ti ho postato per il dvd con gli update compresi funziona, per tutto ciò che non è in produzione i costi di gestione dei server e di tutto il resto viene man mano dismesso nel tempo come è giusto che sia, quindi, ok se fosse un problema del sistema in produzione, per quelli fuori produzione non c'è molto da fare se non evolversi. Puoi anche darli fuori con le udates disattivate, se poi uno lo vede come mancanza di professionalità è un problema suo, basta essere chiari e spiegare al cliente che se devo stare a fargliele tutte gli costa due volte tanto poi sceglie, uomo avvisato. Ciao! A. Ps sul cliente con Vista ci hai perso, a meno che non ti abbia pagato 300€ per un formattone dopo che hai backuppato, rimesso drivers e sistema, dati del cliente al loro posto, updates e followthrough nei gg successivi non vale nemmeno la pena a meno che non si scambi beneficienza per lavoro...;)
    mercoledì 1 giugno 2016 19:46
    Moderatore
  • Si... con il cliente con Vista ci sto perdendo... perché sono sotto i 100 € per il lavoro concordato che sta richiedendo molto più tempo del necessario :-\

    venerdì 3 giugno 2016 10:32
  • salve potrei essere uno dei pochi clienti affezionato a windows7 si e bello il wind 10  ma perche oblicare le persone a passare con la forza a wind 10  da noi si chiama mafia devi lasciare la decisione alle persone se cambiare ho no se il wind 10 e migliore come dicono trq le persone passerann al 10 ma se una persona si trova meglio con il wind 7 mi chiedo il perche oblicare le persone  che ladri .
    sabato 30 dicembre 2017 15:22
  • Ciao Daniele.

    Il tuo problema è commune a quello di molti utenti che hanno avuto la necessità di reinstallare Windows e si sono (ovviamente) ritrovati con una versione del SO a cui applicare una miriade di aggiornamenti: da diversi mesi Microsoft ha iniziato a rilasciare (con cadenza mensile) aggiornamenti cumulativi per diverse versioni di Windows (7, 8, 8.1 e 10), in modo da ridurre le lunghe attese per il download e l'installazione degli aggiornamenti stessi (ogni cumulative update contiene tutti gli aggiornamenti precedentemente rilasciati); in questo modo, è sufficiente scaricare ed installare dal Microsoft Update Catalog o dal Microsoft Download Center l'ultimo CU per avere il sistema operativo perfettamente aggiornato.
    Qualunque fonte tu scelga per il download dei packages degli aggiornamenti, è indispensabile che l'ultimo Service Pack disponibile per la versione di Windows utilizzata sia stato installato.

    Ciao.


    Luigi Bruno
    MCP, MCTS, MOS, MTA

    sabato 30 dicembre 2017 17:46
  • salve potrei essere uno dei pochi clienti affezionato a windows7 si e bello il wind 10  ma perche oblicare le persone a passare con la forza a wind 10  da noi si chiama mafia devi lasciare la decisione alle persone se cambiare ho no se il wind 10 e migliore come dicono trq le persone passerann al 10 ma se una persona si trova meglio con il wind 7 mi chiedo il perche oblicare le persone  che ladri .

    Comprendo il tuo punto di vista, ma ti posso dire per certo che io non sono stato obbligato in nessun modo a passare a Windows 10: il mio vecchio notebook (ora usato dai miei genitori) aveva iniziato a ricevere la notifica della disponibilità dell'upgrade gratuito a Windows 10 quando aveva ancora Windows 8.1 Pro, ma io ho sempre declinato l'offerta non avendo l'assoluta sicurezza della compatibilità del PC con Windows 10; da poco più di un anno ci ho rimesso Windows 7 Ultimate ed è rimasto sempre lì.

    Ciao.


    Luigi Bruno
    MCP, MCTS, MOS, MTA

    sabato 30 dicembre 2017 17:48
  • Ti ringrazio per la risposta... anche se attualmente, da quasi un annetto, il problema della lentezza degli aggiornamenti è rientrato... almeno per windows 7... per vista non mi è capitato di recente.

    Preciso che non è (era) una lentezza per via del numero elevato degli aggiornamenti... e del tempo necessario a scaricarli, ma il tempo necessario per il sistema per determinare l'elenco degli aggiornamenti da scaricare...

    Poi il download avveniva, nel mio caso, in tempo abbastanza rapidi, avendo una fibra 100MB... e l'installazione dipendeva semplicemente dalla velocità del PC.


    In ogni caso, sono andato nei link indicati... ma non riesco ad identificare in Microsoft Update Catalog, ad esempio, l'ultimo CU per Windows 7. Se cerco Windows 7 mi indica 915 possibili Download... 

    Riguardo l'altro link Microsoft Download Center ora non mi fa entrare nel link microsoft update perché richiede Internet Explorer... e al momento sto usando Linux. Lo controllerò quando rientro in ufficio :-)

    sabato 30 dicembre 2017 18:31
  • Ti ringrazio per la risposta... anche se attualmente, da quasi un annetto, il problema della lentezza degli aggiornamenti è rientrato... almeno per windows 7... per vista non mi è capitato di recente.

    Preciso che non è (era) una lentezza per via del numero elevato degli aggiornamenti... e del tempo necessario a scaricarli, ma il tempo necessario per il sistema per determinare l'elenco degli aggiornamenti da scaricare...

    Poi il download avveniva, nel mio caso, in tempo abbastanza rapidi, avendo una fibra 100MB... e l'installazione dipendeva semplicemente dalla velocità del PC.


    In ogni caso, sono andato nei link indicati... ma non riesco ad identificare in Microsoft Update Catalog, ad esempio, l'ultimo CU per Windows 7. Se cerco Windows 7 mi indica 915 possibili Download... 

    Riguardo l'altro link Microsoft Download Center ora non mi fa entrare nel link microsoft update perché richiede Internet Explorer... e al momento sto usando Linux. Lo controllerò quando rientro in ufficio :-)

    Per quanto riguarda gli aggiornamenti di Windows 7 SP1, puoi fare riferimento all'articolo 4009469 della Microsoft Knowledge Base, che contiene la cronologia degli updates per questa versione di Windows.

    Ciao.


    Luigi Bruno
    MCP, MCTS, MOS, MTA

    sabato 30 dicembre 2017 18:45
  • La lentezza di windows update è un problema noto, io lo ho riscontrato  soprattutto nell'ultimo anno, tanto che Microsoft ha trattato come risolvere la problematica in diverse kb.

    https://support.microsoft.com/it-it/help/3102810/installing-and-searching-for-updates-is-slow-and-high-cpu-usage-occur 

    https://www.computerworld.com/article/3086811/microsoft-windows/microsoft-releases-kb-3161647-kb-3161608-to-fix-slow-windows-7-update-scans.html 

    Dovresti vedere se queste patch risolvono applicandole manualmente, così da poter "evitare" la lentezza per poi passare agli aggiornamenti automatici.

    Sul problema di cambio SO, io ho casi particolari:
    XP collegato ad un pantografo, dove la ditta produttrice non esiste più...

    In secondo caso ho strumentazione da 30000€-70000€ collegata a computer , anche qui con XP, dove le case produttrici degli strumenti, non certificano il software con i nuovi SO... e sarà così fra un po' di anni con quelli che attualmente hanno windows 7 ...  :(

    ciao Gas


    Gastone Canali >http://www.armadillo.it


    Se alcuni post rispondono al tuo quesito(non necessariamente i miei), ricorda di contrassegnarli come risposta e non dimenticare di contrassegnare anche i post utili. GRAZIE! Ricorda di dare un occhio ai link Click Here andHere


    sabato 30 dicembre 2017 19:30
    Moderatore